Contattaci
it| en
Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno
23-27 settembre 2019

Visitatori - Giornalisti

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password? Clicca sulla tua area:
Visitatori - Giornalisti

I protagonisti

 

Elisa Valero Ramos

Architetto

Nota biografica

Prof.ssa ordinaria di Progetti di Architettura presso la Scuola Tecnica Superiore di Architettura di Granada.
Visiting professor presso Università Tecnica di Berlino Institut für Architektur, Facoltà di Architettura dell’Università di Roma Tre, Facoltà di Architettura dell’università UNAM Messico DF, BTU Architecture School Cottbus, The Royal Academy of Fine Arts School of Architecture, Copenaghen, Escola da Cidade, San Paulo. London South Bank University. Scuola di Architettura di Mantova.
Visiting professor al Master in Restauro e Conservazione del Patrimonio presso l’Università Politecnica di Valencia. Master in Collective Housing, Master in Architectural Lighting Design e Master MAYAB Architettura Ambientale e Bioclimatica presso la Scuola Superiore Tecnica di Architettura di Madrid. Università Politecnica di Madrid UPM. Segretaria del Collegio Docenti al Master in Architettura e segretaria della commissione per l’approvazione dei diplomi di laurea esteri presso la Scuola Superiore Tecnica di Architettura di Granada.
Esaminatrice esterna presso la Scuola di Architettura AA di Londra e l’Università Nazionale della Colombia per il Master in Architettura 2016.

PUBBLICAZIONI:
Light in Architecture, the Intangible Material. RIBA publishing. Londra 2015. ISBN 978 1859465967
La materia intangible, reflexiones sobre la luz en el proyecto de arquitectura 2004 (2ª edizione 2008) Ediciones Generales de la Construcción. Valencia. ISBN 84-933540-1-5
Espacios de aprendizaje 2006. Universidad de Granada. Granada. ISBN 84-608-0416-X
Ocio peligroso, introducción al proyecto de arquitectura 2006. General de Ediciones de Arquitectura. Valencia. ISBN 978-84-935163-1-7
La Universidad Laboral de Almería. 2008. Archivos de Arquitectura España siglo XX. Colegio de Arquitectos de Almería Almería. 2008. ISBN 978-84-934827-6-3
Diccionario de la luz, 2008 General de Ediciones de Arquitectura. Valencia. (2ª edizione 2010)
Elisa Valero arquitectura 1998-2008. General de Ediciones de Arquitectura. Colección biblioteca TC. Valencia. 2009. ISBN: 978-84-936203-9-4
Glosario de Reciclaje Urbano, General de Ediciones de Arquitectura. Valencia. 2014. ISBN: 978-84-939845-6

DIRETTRICE DEL GRUPPO DI RICERCA: RICONVERSIONE URBANA, EDILIZIA ABITATIVA EFFICIENTE BIO 909

RICERCATRICE A CAPO DEI SEGUENTI PROGETTI:
“Riconversione urbana: riqualificazione di zone residenziali per uno sviluppo sostenibile” Ministero dell’Istruzione e della Scienza R & D (2008-2011)
“Riconvertire quartieri; una scelta sostenibile” un progetto di ricerca per l’Ufficio generale di architettura e edilizia abitativa del governo dell’Andalusia. Luglio 2007.
“Applicazioni sperimentali di sistemi di costruzione ad alta efficienza energetica in contesti residenziali del Mediterraneo”. Con la partecipazione delle università di Siviglia, Malaga, Granada e Jaen, 2011. Finanziato da fondi Feder.

Coordinatrice UGR del Team Andalusia per la costruzione della casa solare Patio 2.12. Competizione Internazionale Solar Decathlon. Diciotto team provenienti da dodici paesi diversi si sono affrontati nella progettazione e nella costruzione della casa modulare a climatizzazione solare più efficiente al mondo.
Prima classificata nella categoria Communication and Social Awareness. Prima classificata in Energy Efficiency. Prima classificata in Energy Balance. Prima classificata in Public’s Favorite. Seconda classificata in Sustainability. Seconda classificata del Green Building Council. Seconda classificata in Innovation. Terza classificata in Engineering and Construction. Seconda classificata al Final Award Solar Decathlon Europe 2012
Coordinatrice UGR del progetto di ricerca “Interventi su quartieri obsoleti. Buone prassi”, un progetto di ricerca dell’Ufficio generale di architettura ed edilizia abitativa del governo dell’Andalusia. Luglio 2014.

RICONOSCIMENTI DI ARCHITETTURA

MENZIONE SPECIALE ARCVISION PRIZE. Milano 2016. FINALISTA XI PREMIO INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA SOSTENIBILE (FASSA BORTOLO) Nuevo espacio multiusos en la escuela Cerrillo de Maracena, (Granada) 2015. FINALISTA FAD AWARDS 2012 Escuela infantil Asunción Linares (Granada). 2012. FINALISTA XI BIENNALE DI ARCHITETTURA SPAGNOLA Escuela infantil en la Chana (Granada). 2011. FINALISTA IX BIENNALE DI ARCHITETTURA SPAGNOLA Centro Social Polivalente en Lancha del Genil (Granada). 2006. 1° PREMIO “Abitare il Mediterraneo” 3ª edizione. Organizzato dal Consiglio Regionale degli Architetti di Sicilia, in collaborazione con UMAR (Unione degli Architetti del bacino del Mediterraneo), con il patrocinio del CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori d’Italia). 2011. 3° CLASSIFICATA PER OPERE DI COSTRUZIONE alla Gara di Costruzione Sociale e Protetta indetta dal Consiglio Superiore delle Associazioni di Architetti in Spagna per 13 case auto-costruite a Palenciana. Gennaio 2003. SELEZIONATA per il II premio termoargilla, 2004. MENZIONE D’ONORE per le opere di costruzione realizzate al Single-Family Housing Contest indetto dal Consiglio Superiore delle Associazioni di Architetti in Spagna, 2004 per la casa bioclimatica San Isidro nel centro storico di Granada. Ottobre 2003. Nomination Restauro e Ripristino per il restauro della chiesa Nuestra Señora de las Angustias a Granada, nell’ambito delle IV Nomination di Architettura di COAGR 2005. PREMIATA ALLA XI BIENNALE DI ARCHITETTURA SPAGNOLA con l’opera House Studio in 17th Belén street, Granada. PREMIATA ALLA X BIENNALE DI ARCHITETTURA SPAGNOLA con l’opera A Crossways Garden, nuovo spazio all’Arango House. 3° CLASSIFICATA AL PREMIO “Concurso para la adecuación del entorno del Castillo y Plaza del Ayuntamiento de Aledo” (Murcia). 2011. MENZIONE SPECIALE “Concurso adaptación de edificio secadero a biblioteca en Ogijares ” (Granada) Ayuntamiento de Ogijares. Granada. 2008. 1° PREMIO “Concurso de ideas para Centro Social Polivalente en Lancha del Genil” (Granada) Ayuntamiento de Granada. 2005. 1° PREMIO “Concurso de ideas para Guardería y comedor municipal en los Mondragones” (Granada) Ayuntamiento de Granada. 2005. 1° PREMIO “Concurso de 13 viviendas autoconstruidas en Palenciana”. (Córdoba) Junta de Andalucía. Maggio 1998. 1° PREMIO “Concurso de ideas para proyecto de Parque en Albuñol” (Granada) (In collaborazione con M. Palma e F. del Corral) luglio 1998. 2° PREMIO “Concurso de ideas para proyecto de complejo parroquial en Bola de Oro.” (In collaborazione con F. del Corral) Colegio de Arquitectos y Arzobispado de Granada giugno 1998. 2° PREMIO “Concurso de ideas para proyecto de complejo parroquial en el Zaidín. Granada.” (In collaborazione con F. del Corral) Colegio de Arquitectos y Arzobispado de Granada giugno 1998. 2º PREMIO “Concurso de ideas para la integración del río Guadalquivir en la ciudad de Andújar”. (In collaborazione con J.L Gómez Ordóñez) settembre 1998. 2º PREMIO “Concurso Internacional de ideas para adecuación de los Accesos de la Alhambra.” (In collaborazione con F. del Corral. I.Fdez Sánchez Aragón, B. Reinoso e A Bermejo.) aprile 1999.
1° PREMIO “Concurso de 8 viviendas autoconstruidas en Cuevas del Becerro.”(Malaga) Junta de Andalucía. Maggio 1999. 1° PREMIO “Concurso de 26 viviendas de promoción pública en Alameda.” (Malaga) (In collaborazione con Antonio Jiménez Torrecillas) Junta de Andalucía. Maggio 1999.

 

Marco Vismara

Architetto

Nota biografica

Studio D73 Arch. Marco Vismara & Arch. Andrea Viganò è specializzato nella progettazione e nel design a livello internazionale. Lo Studio D73 si occupa di progettazione commerciale e residenziale, dall’idea iniziale alla realizzazione e gestisce tutte le fasi del progetto grazie al suo efficiente staff di professionisti che operano dall’ufficio italiano e dagli uffici di Mosca, Tunisi e Tbilisi. Negli ultimi anni, lo Studio D73 ha esteso la propria attività e ha raggiunto molti Paesi, soprattutto Russia, Europa dell’Est e Nord Africa, con l’obiettivo di una crescita continua e costante in nuovi Paesi nell’immediato futuro. Le soluzioni all’avanguardia dello Studio D73 includono Spa, Ville, Hotel e Showroom. 

 

Maurits van der Staay

Architetto associato RPBW, responsabile del progetto
Nato a Zeist, in Olanda, nel 1960, si è laureato alla Technical University di Delft. Entrato in RPBW Parigi nel 1994, è architetto associato dal 2000.
Ha lavorato al progetto di Potsdamerplatz, a Berlino, fino al 1997. Dal 1997 al 2000 ha lavorato alla Conversione del Lingotto di Torino, inclusa la sede del Politecnico e l’estensione dell’hotel Meridien. Dal 2000 al 2002 ha lavorato come architetto responsabile per la Pinacoteca Agnelli di Torino. Dal 2003 al 2010 è stato architetto associato responsabile per il progetto Central st. Giles a Londra.
 

Giovanni Vaccarini

Architetto
Nel 1993 si laurea con lode in Architettura presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Pescara; nel 1994 è vincitore del perfezionamento post laurea in architettura del paesaggio presso la Waterloo University, Environmental Studies, School of Architecture Ontario - Canada;
E’ Dottore di Ricerca in composizione architettonica.
Dal 1995 al 2001 svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Pescara.
Attualmente è Visiting Professor presso facoltà di architettura ed ingegneria italiane .
Svolge il mestiere di architetto in un laboratorio di ricerca sul progetto con l'idea di misurarsi contemporaneamente con il progetto/ricerca e la pratica/verifica del fare, ripensando il progetto come esperienza collettiva.
Le architetture nascono da idee, non da figure; le figure sono il risultato della messa in scena delle idee.
Intorno a questa semplice riaffermazione del primato del pensiero sulla figura la ricerca dello studio si orienta e si misura con i temi a cui il territorio contemporaneo, ibrido e molteplice, chiede risposta. Spesso temi “deboli”, spuri che chiedono di affondare le mani (spesso di sporcarle) nel corpus della disciplina come servizio collettivo “necessario”.
Ha partecipato a diversi concorsi di architettura nazionali ed internazionali conseguendo premi e riconoscimenti; tra gli altri segnaliamo :
- Concorso nazionale di idee per la progettazione di un sistema di piattaforme-tipo per la raccolta differenziata dei rifiuti, Genova. (progetto menzionato) e II° concorso internazionale ad inviti "Architettura Paesaggio Archeologia" Progetti per Miseno - Bacoli (NA) - Area di intervento: piazzetta S. Sossio (progetto menzionato) e "la porta per Jesolo" – centro direzionale/commerciale/residenziale (VE). 3 (progetto vincitore)
Oltre a diverse mostre di architettura, tra cui nel 2007 LA BIENNALE DI VENEZIA , 10° Mostra Internazionale di Architettura, "sensi contemporanei" città-porto i suoi progetti sono stati pubblicati in diversi testi, riviste e siti web specialzzati, tra i quali, Casabella, Costruire, d’Architettura, Il Progetto, l'arca, l’Architettura, Parametro, AD, clarin, Monument, sole 24 ore, bob , ecc...
Lo studio è uno dei principali studi italiani selezionati nell’ Atlante mondiale dell’architettura del XXI secolo - phaidon , london .
 

Jacob van Rijs

Architetto
Amsterdam, 1964, è uno dei co-fondatori e co-direttori dello studio MVRDV. Nel 1990 si laurea con lode in Architettura presso il Politecnico di Delft.
Attualmente, Jacob van Rijs lavora a una vasta serie di progetti, tra cui l’Olympiakwartier ad Almere (Paesi Bassi), l’Eco-City a Logroño (Spagna). Si sta anche occupando della progettazione di importanti complessi residenziali che comprendono diverse migliaia di appartamenti in India e Corea del Sud. In passato si è occupato del complesso residenziale ad alta densità TEDA a Tianjin, dove si alternano edifici alti ed edifici bassi. Inoltre, in quest’area è stato possibile fare spazio alle tipologie abitative tipiche cinesi, sostenendo così lo stile di vita locale.
Al momento sta lavorando alla Casa della Cultura e del Movimento, un centro culturale di Frederiksberg (Danimarca) che è stato recentemente annunciato come il vincitore di un concorso. L’edificio rappresenterà un nuovo modello che racchiude in sé un centro sociale, un centro fieristico, un parco giochi, un parco e un centro benessere. Il suo scopo è quello di promuovere  uno stile di vita sano ed attivo tra la popolazione di Frederiksberg.
Le opere dello studio MVRDV/Jacob van Rijs sono state pubblicate ed esposte in tutto il mondo e hanno ricevuto numerosi premi a livello internazionale. Le monografie FARMAX (1998) e KM3 (2005) illustrano il lavoro dello studio di Rotterdam.
Fra i progetti curati dallo studio MVRDV ricordiamo: il padiglione dei Paesi Bassi alla fiera World Expo 2000 di Hannover, l’innovativo centro direzionale Flight Forum di Eindhoven, il centro culturale Matsudai e il centro commerciale Gyre in Giappone, il complesso Mirador di Madrid, il complesso Silodam e l’Hotel Lloyd ad Amsterdam.
Jacob van Rijs tiene regolarmente dei corsi presso scuole e istituzioni in tutto il mondo (come, per esempio, il Politecnico di Delft, l’Accademia dell'Architettura di Amsterdam, l’Accademia dell'Architettura di Rotterdam, la AA di Londra, la Cooper Union di New York, la Rice University in Texas, la TN Probe di Tokyo e le università di Madrid e Barcellona).
 

Jacques Vinet

Presidente EUF
Nota biografica
Jacques Vinet è Presidente dell’omonimo Groupe Vinet, società con 8 filiali e 350 dipendenti sul territorio francese. Ha presieduto le commissioni incaricate della redazione “NF DTU 52.1 Revêtements de sol scellés”, pubblicata nel 2010 e “NF DTU 52.10 – Mise en oeuvre de sous-couches isolantes”, attualmente in corso di revisione.
Ha inoltre presieduto la Commissione Tecnica dell’UNECB e il comitato NF UPEC.
È stato vice-presidente del MEDEF del Dipartimento di Vienne (Regione Poitou-Charentes).
È Presidente di EUF dal 2010.
 

Riccardo Vannucci

Architetto Fare studio
Nota biografica
Riccardo Vannucci, architetto, vive e lavora a Roma.
Dopo una lunga esperienza di free-lance a cavallo tra design, ingegneria e management in Italia, Medio Oriente e Africa, ha costituito nel 2006 FAREstudio.
Il primo prodotto concreto di FAREstudio è stato il CBF, Centre pour le Bien-être des Femmes et la prévention des mutilations génitales féminines, che, completato a Ouagadougou in Burkina Faso nel 2008, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, inclusa la selezione tra i diciannove finalisti dell’Aga Khan Award 2010.
Condividi su