Visitatori - Giornalisti

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password?
Clicca sulla tua area:
Visitatori - Giornalisti

I protagonisti

 

Giovanni Multari

Architetto

Nota biografica

Architetto, insegna progettazione architettonica presso il Dipatimento di Architettura
dell’Universita degli Studi di Napoli “Federico II”. Nel 1995 fonda con Vincenzo Corvino
lo studio corvino + multari con sede a Napoli e uffici a Milano. Per il progetto di
Restauro del Grattacielo Pirelli a Milano vince la Medaglia d’Oro all’Architettura
Italiana, Triennale di Milano 2006, e l’European Aluminium in Renovation Award, Parigi
2007.

 

MIDE architetti

studio di architettura

MIDE architetti è uno studio di architettura che si occupa di progettazione in differenti ambiti d’intervento: urbanistico, architettonico, e d’interni; il particolare interesse alla semplicità delle linee e dei volumi, l’estrema attenzione al dettaglio, alle finiture e alla scelta dei materiali, ne caratterizzano l’approccio progettuale; Le suggestioni che ispirano la produzione architettonica, nascono dall’analisi funzionale delle esigenze del committente e dalla lettura emozionale del luogo; al progetto viene attribuito il ruolo di risposta alla vocazione del sito d’intervento, i cui i tratti tipici vengono reinterpretati e tradotti in nuove soluzioni architettoniche. Il lavoro dello studio si distingue per una particolare attenzione ai temi della sostenibilità ambientale ed energetica, grazie a consulenze di specialisti qualificati; Tra i clienti di maggior rilievo, sono stati sviluppati progetti per importanti aziende come: Volvo Trucks Italia, Renault Trucks, Intrerbrau, Philippe Model, Ipercoop, Rubner Haus, Stilenatura, John Barritt, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Benetton, Birrificio Antoniano; oltre che per le pubbliche amministrazioni di: Regione Emilia Romagna, Comune di Mirandola, Comune di Viadana, Comune di Massa Finalese, Comune di San Felice sul Panaro e Comune di Mira; In parallelo all’attività professionale prosegue una continua attività di ricerca e confronto, attraverso la partecipazione a concorsi di progettazione nazionali ed internazionali; In breve tempo lo studio ha ottenuto importanti riconoscimenti e pubblicazioni.

 

Allegra Martin

fotografa

Nota biografica
Allegra Martin, allieva di Guido Guidi, nel 2007 si laurea in architettura presso l’Università IUAV di Venezia con una tesi fotografica sul territorio Veneto. Nel settembre 2015 viene pubblicato Double Bind per Quinlan Editore, mentre nel maggio 2014 esce Lido. A sud di nessun nord a cura dell’Osservatorio Fotografico di Ravenna. Ha partecipato a varie campagne fotografiche, quali Up! Marghera on Stage per il Padiglione Venezia, XV Biennale di Architettura 2016, Welfare spaces promosso da Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea nel 2011. Nel 2013 viene selezionata per la residenza fotografica Le nostre Mura a Castelfranco Veneto e per il progetto-residenza Confotografia a L’Aquila., mentre nel 2009 prende parte al progetto di ricerca Decolonizing architecture a Betlemme. Il suo lavoro è stato esposto in Italia presso importanti istituzioni e gallerie, quali Viasaterna Arte Contemporanea, Triennale di Milano, Biennale di Architettura di Venezia, Forma Milano, Macro di Roma, Fondazione Fancesco Fabbri; all'estero presso l'Istituto internazionale di Architettura i2A di Lugano, la Galerie f5.6 di Monaco, Breadfield a Malmo; le sue fotografie sono state pubblicate su Io-Donna, Europanconcorsi, Abitare, Granta e in progetti editoriali de Il Sole 24 ORE Cultura e Foam. Dal 2013 al 2015 è stata tra i curatori di Exposed (www.allegramartin.it)

 

Pierluigi Mutti

Giornalista

nota biografica
Pierluigi Mutti è un giornalista professionista che da molti anni si occupa di temi legati all’architettura e al mondo delle costruzioni. Per quindici anni caporedattore del mensile Costruire, è stato direttore di Gma radio (la web radio lanciata nel 2008 dal CNAPPC, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori) e addetto stampa del Congresso Mondiale dell’Architettura, promosso nel 2008 a Torino dall’Unione Internazionale degli Architetti. 

Dal 2006 al 2012 è stato caporedattore di Focus, periodico digitale del CNAPPC.
Dal 2013 è direttore responsabile de L’Architetto, mensile digitale edito dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori.

 

Shelley Mcnamara (Grafton Architects)

studio di architettura

Lo studio Grafton Architects è stato fondato nel 1978. Yvonne Farrell e Shelley McNamara oltre a dirigere lo studio hanno insegnato alla Scuola di Architettura dell’Università di Dublino dal 1976 al 2002; Attualmente sono visiting Professor alla Accademia di Architettura di Mendrisio e hanno avuto diversi incarichi di rilievo ad Harvard e alla Yale University; I loro progetti sono stati esposti al MOMA di New York e quest’anno partecipano con il progetto dell’Università di Lima alla Biennale di Architettura di Venezia; Recentemente sono state selezionate per progettare un nuovo edificio della London School of Economics and Political Science di Londra

 

Andrea Maffei

Architetto
Nota biografica
Nato a Modena nel 1968, si laurea in architettura a Firenze nel 1994 cum laude e dopo alcune prime esperienze italiane presso lo studio di Massimo Carmassi a Pisa, dal 1997 si trasferisce a Tokyo a lavorare nello studio di Arata Isozaki. 
Inizialmente lavora nel team del museo della ceramica di Gifu (Giappone) e poi come capo-progetto nel concorso della nuova uscita del museo degli Uffizi, vinto nel marzo 1999. Dal 1999 al 2001 è capo-progetto della villa Al Wabrah dello sceicco Al-Thani di Doha, Qatar e poi del progetto di ampliamento del museo di storia del Qatar a Doha, oltre numerosi concorsi in varie parti del mondo. Ciò gli consente di viaggiare in giro per il mondo e di venire a contatto con le più disparate culture asiatiche e medio-orientali.
Diventa Associato di Arata Isozaki e responsabile dei progetti italiani, dirige la progettazione del palahockey di Torino, grande intervento realizzato per le olimpiadi invernali 2006, oggi soprannominato Palaisozaki, che è sempre stato progettato dall’inizio con la finalità di un ampio uso post-olimpico e che oggi ospita concerti, conferenze ed eventi di vario genere. Insieme dirige anche il progetto della piscina olimpionica ed il parco di Piazza d’Armi di Torino (2002-2006) nonché svolge il ruolo di direttore artistico dei tre cantieri torinesi.
Dal 2005 apre il proprio studio Andrea Maffei Architects srl a Milano, che sviluppa vari progetti in Italia e all’estero.
Vince vari concorsi italiani tra cui quello della nuova stazione di Bologna (2008) e della nuova sede della Provincia di Bergamo (2009), partecipa al grande concorso per l’ampliamento della città di Montecarlo (2007-2008), per estendere la città sul mare nella forma di una nuova penisola con residenze, alberghi, musei ed uffici (con A. Isozaki).
Firma il progetto della nuova uscita del museo degli Uffizi (2007), della nuova biblioteca di Maranello (2009) inaugurata nel 2011, degli edifici Imprima Buildings a Bergamo con funzione direzionale.
E’ attualmente impegnato come progettista e firmatario del progetto CITYLIFE a Milano (con A. Isozaki), per la realizzazione di un grande complesso direzionale e residenziale nell’area ex Fiera. Il progetto comprende un grattacielo di 50 piani, 207m di altezza, una piazza centrale del complesso con stazione della metropolitana, vari edifici residenziali.
Oltre all’attività professionale Maffei scrive su varie riviste di architettura. E’ corrispondente dal 1997 per la rivista di architettura “CASABELLA”, direttore prof. Francesco Dal Co, in cui pubblica vari progetti e testi sull’architettura contemporanea giapponese. Cura il numero monografico sul Giappone della stessa rivista nel marzo 2000. E’ autore della monografia “Toyo Ito, le opere, i testi, gli scritti” pubblicato da Electa dal 2001.
Riconoscimenti
2007 Milano Finanza Real Estate Award – Miglior progetto residenziale
2009 Milano Finanza Real Estate Award – Miglior progetto operazione pubblico privato
 

Francisco Mangado

Architetto

Nota biografica

Nato nella regione della Navarra nel 1957, Francisco Mangado ha completato gli studi universitari nel 1982 presso la Scuola di Architettura dell’Università della Navarra e da allora ha sempre insegnato. Ha lavorato in qualità di Visiting Professor presso la Harvard Graduate School of Design; è stato Visiting Professor presso la cattedra intitolata a Eero Saarinen alla Yale School of Architecture e Guest Lecturer all’École Polytechnique Fédérale di Losanna. Attualmente è professore straordinario ai progetti presso il suo ateneo di Pamplona ed è Visiting Professor alla Cornell University, College of Architecture, Art and Planning.

Il Thienne Architecture Award, l’Architéchti Prize, il premio FAD per l’architettura e Costrumat sono alcuni tra i numerosi riconoscimenti che ha ricevuto. Nel 2009 ha ottenuto la Medaglia d’oro Giancarlo Ius dell’UIA, il premio García Mercadal, il premio Copper in Architecture e il Premio Architettura Spagnola 2009 conferito dal Consiglio Superiore dell’Ordine degli Architetti di Spagna (CSCAE). È stato nominato RIBA International Fellow nel dicembre 2011 dal Royal Institute of British Architects e nel febbraio 2013 ha ottenuto l’AIA honorary Fellowship dall’American Institute of Architects. Nel giugno 2013 ha ricevuto per l’Auditorium di Teulada il premio RIBA EU, conferito dal Royal Institute of British Architects per edifici all’interno dell’Unione Europea ma al di fuori del Regno Unito.

Alcuni tra i lavori più rilevanti di Mangado sono il Centro Congressi e l’Auditorium di Pamplona, Place Pey Berland a Bordeaux, Il Centro Congressi di Ávila, il Museo archeologico di Vitoria, lo stadio di Palencia, il padiglione spagnolo all’Expo Zaragoza 2008 e l’Auditorium di Teulada. Tra le realizzazioni più recenti ci sono il Centro Congressi di Palma di Mallorca e il Museo delle belle arti delle Asturie a Oviedo.

Il Centro Congressi Baluarte, l’Auditorium di Pamplona e il Centro Congressi Lienzo Norte di Ávila hanno fatto parte della mostra sull’architettura spagnola tenutasi al MoMA di New York. Mangado è stato protagonista di monografiche al Circolo delle Belle Arti di Madrid, all’Auditorium di Teulada, al Palacio del Condestable di Pamplona, alla Galleria Aedes di Berlino, all’EPFL di Losanna, al FAUP di Porto e alla Galerie d’Architecture di Parigi.

Nel giugno 2008 ha creato la Fundación Arquitectura y Sociedad.

 

Glenn Murcutt

Architetto

Nota biografica

L’architetto australiano acclamato a livello internazionale Glenn Murcutt, nato a Londra nel 1936, ha ricevuto il premio Pritzker per l’architettura nel 2002. Ha ricevuto numero altri premi per il suo lavoro, tra cui la Medaglia Alvar Aalto nel 1992, il Green Pin of Denmark per l’architettura ecologica nel 1999 e la Medaglia d’oro dell’American Institute of Architects nel 2009. Inoltre, è membro onorario del Royal Institute of Architects d’Irlanda e dell’American Academy of Arts and Letters.
Glenn Murcutt ha studiato architettura al Sydney Technical College della University of New South Wales. Nel 1969 ha fondato il proprio studio. Da allora, mentre si assumeva tutti i compiti relativi alla progettazione, ha creato un’opera suggestiva di edifici rispettosi dell’ambiente di qualità e aspetto eccezionali.
Glenn Murcutt ha condiviso le sue idee con innumerevoli studenti in tutto il mondo. È titolare di una cattedra alla University of New South Wales ed è stato visiting professor in università come la Yale University, la University of Pennsylvania, la Helsinki University Of Technology, la Aarhus University e molte altre.

Onorificenze nazionali
1992 Medaglia d’oro al Royal Australian Institute of Architects
1993 Membro permanente del Royal Australian Institute of Architects
1995 Dottorato Onorario di Scienze alla University of New South Wales
1996 Ordine dell’Australia (AO)
2003 Dottorato Onorario in Lettere alla University of Technology of Sydney –HonDrltUTS
2004 Dottorato Onorario di Scienze all’Università di Sydney – HonDrScUS
2010 Membro Onorario dell’Australian Academy of Humanities

Onorificenze e premi internazionali 
1992 Medaglia internazionale di architettura Alvar Aalto a Helsinki, Finlandia                                                                 
1995 Membro onorario dell’American Institute of Architects – HonFAIA                                                                                 
1995 Membro internazionale del Royal Institute of British Architects – IntFRIBA                                                               
1998 Richard Neutra International Award per l’architettura e l’insegnamento dalla Neutra Foundation e dalla California State Polytechnic University a Pomona negli USA                                                                                                                                                                                         
1999 Premio internazionale Green Pin per l’architettura e l’ecologia dalla Royal Danish Academy of Architects
2001 Kenneth F. Brown Asia Pacific Culture and architecture Award per l’Education Centre “Riversdale” di Arthur e Yvonne Boyd in collaborazione con Wendy Lewin e Reg Lark                                                                                                       
2001 Premio International Thomas Jefferson Medal per l’architettura negli USA                                                                                                                              
2001 Membro onorario del Royal Architectural Institute of Canada – HonFSAFA                                                                           
2001 Premio internazionale della Royal Danish Academy of Fine arts “Making a difference” nell’ideazione e nella pratica dell’architettura                                                                                                                                                            
2002 Premio Internazionale Pritzker per l’architettura                                                                                                                
2004 Membro onorario della Royal Incorporation of Architects in Scozia – Hon FRIAS                                                                   
2005 Membro onorario della Taipei Architects Association – Hon MTAA                                                                                              
2005 Membro onorario del Singapore Institute of Architects – Hon FSIA                                                                                                    
2008 Eletto Membro onorario dell’American Academy of Arts and Letters di New York                                                              
2008 Membro onorario dell’Institute of Green Professionals, negli USA – HonFIGP – Honoris Causa                                                                                       
2009 Medaglia d’oro dell’American Institute of Architects                                                                                                                     
2009 Membro onorario del Royal Institute of the Architects of Ireland – HonMRIAI                                                                          
2010/11/12/13/14/15 Membro della Giuria Internazionale del premio internazionale Pritzker per l’architettura                                                                                                                                                                                                            
2010 Senior Fellow onorario del Design Futures Council, Salk Institute California e dello Smithsonian Castle a Washington DC, USA                                                                                                                                                                                                                 
2014 Dottore Honoris Causa all’Università di Bucarest in Romania                                                                                                                      
2015 Medaglia Royal Scottish Academy per l’architettura - Royal Scottish Academy Metzstein Architecture Discourse 2015 mostra personale “Architecture for Place” a Glasgow in Scozia (Regno Unito)                                                                                                                     
2015 Dottore Honoris Causa in Legge alla Dalhousie University, Halifax, Canada  

 

Claudio Musso

Digicult Network

Nota biografica

Critico d'arte e curatore indipendente. La sua attività curatoriale e di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Attualmente è Dottorando presso il Dipartimento delle Arti Visive dell'Università di Bologna, dove ha precedentemente conseguito la laurea specialistica in Storia dell'Arte. Collabora con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Scrive per Artribune e Digicult. Di recente ha curato la sezione Urban Art Media Drifts del LPM - Live Performers Meeting (Roma - Minsk). Nel 2010 è stato invitato come lecturer alla AVANCA | CINEMA International Conference Cinema– Art, Technology, Communication (Avanca, Portogallo) e alla VIII MAGIS – International Film Studies Spring School (Gorizia, Italia).

 

Simona Malvezzi

Architetto

Nota biografica

Nata a Milano, dopo la laurea al Politecnico, Simona Malvezzi fonda KUEHN MALVEZZI a Berlino nel 2001 insieme a Wilfried Kuehn e Johannes Kuehn.
Musei e spazi espositivi sono al centro della loro ricerca progettuale. Hanno disegnato l´architettura per Documenta 11 a Kassel curata da Okwui Enwezor (2002), l’ampliamento dell’Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart per la Friedrich Christian Flick Collection (2004), e la Julia Stoschek Collection di Düsseldorf (2007).
Attualmente KUEHN MALVEZZI, oltre ad aver completato l´ampliamento del Museum Berggruen a Berlino, sta portando a termine la nuova presentazione della collezione del museo Herzog Anton Ulrich a Braunschweig, la Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen e il Kunstgewerbemuseum a Berlino. Il loro lavoro è stato apprezzato a livello internazionale in mostre personali e collettive, come per esempio il Padiglione Tedesco della X Biennale di Architettura di Venezia nel 2006.
Nel 2012 sono stati invitati a partecipare alla XIII Biennale di Architettura di Venezia nella mostra principale dal titolo “Common Ground”.
Inoltre sono stati nominati per il Mies van der Rohe Award con il progetto per la Julia Stoscheck Collection.

 

Paola Matino

Nota biografica
Laureata in economia aziendale e con un Executive Master in Business Administration presso il Mip – Politecnico di Milano, Paola Matino ha maturato una vasta esperienza nell’ambito dei servizi di interesse generale e della finanza pubblica.
Ha operato come ricercatrice, manager, nonché con un ruolo diretto di amministratrice di public utilities, ha partecipato come relatrice in workshop di approfondimento, pubblicato saggi ed è coautrice di libri in materia di servizi industriali e a rete. 
Attualmente si occupa in particolare del settore idrico integrato e di progetti nel settore dei servizi sociali e socio-assistenziali
 

Marco Mancuso

Nota biografica
Marco Mancuso è critico e curatore nel campo delle tecnologie digitali applicate all'arte, al design, alla cultura contemporanea. Fondatore e Direttore del progetto Digicult e del Digimag Journal (parte del The Leonardo Affiliate Program), insegna “Teoria delle Arti Multimediali” presso il MAIND Interaction Design Master alla SUPSI di Lugano, "Web 2.0 & Art Management" alla NABA di Milano, “Sistemi Editoriali per l'arte” all'Accademia di Belle Arti di Bergamo ed è Visiting Professor presso Transmedia-Postgraduate Program in Arts+Media+Design di Brussels.

Con la Digicult Agency ha curato e co-curato una serie di mostre, screening, lectures, incontri, meeting ed è stato partner con molti dei più importanti festival di media art a livello nazionale e internazionale. Ha accumulato un esperienza di anni su tematiche ampie come l'open communication, il social networking e il digital publishing e si occupa dello sviluppo di nuovi modelli economici in Rete per l’arte e la cultura: con il progetto “Fracty: Trasformazioni Affini” per il bando "Che Fare", ha teorizzato una piattaforma online in grado di reare connessioni open e p2p tra investitori, pubblici e privati dall'ambito della ricerca tecnologico-scientifica, professionisti e studenti nel campo delle tecnologie applicate all'arte, al design e alla culturale contemporanea. Ha recentemente sviluppato il nuovo “Digicult Editions”, servizio online di open-publishing.

Invitato a conferenze in ambito nazionale e internazionale, oltre a scrivere testi critici per pubblicazioni e cataloghi di media art, articoli, interviste e saggi per Digicult, Marco Mancuso ha curato per la rivista MCD-Musiques et Cultures Digitales la pubblicazione “The Open Future” - Issue 66 nel 2012 e la carte-blanche “Art Industries” - Issue 74 nel 2014. E’ stato incluso nella pubblicazione Cultural Blogging in Europe b del LabForCulture.org nel 2010. - Twitter: @digicult – http://www.digicult.it/

 

José Rafael Moneo Vallés

Architetto

José Rafael Moneo Vallés nasce a Tudela (Navarra) nel 1937. Studia presso la Scuola di Architettura di Madrid, dove si laurea nel 1961. Nel 1970 ottiene la cattedra di Elementi di Composizione della Scuola di Architettura di Barcellona e nel 1980 la stessa cattedra a Madrid fino al 1985, anno in cui è nominato Presidente della Harvard Graduate School of Design, incarico che ricopre fino al 1990. Attualmente Rafael Moneo è Josep Lluis Sert Professor of Architecture presso la Graduate School of Design di Harvard.

Tra i suoi ultimi progetti spiccano: l’Auditorio e Centro Congressi Kursaal di San Sebastián (1999), il Museo di Belle Arti a Houston, Texas (2000), la Cattedrale di Los Angeles (2002), l’Archivio di Navarra a Pamplona (2003), l’Ospedale Pediatrico Gregorio Marañón di Madrid (2003), l’ampliamento del Banco de España a Madrid (2006), l’ampliamento del Museo del Prado a Madrid (2007), l’edificio LISE –Laboratorio per le scienze e l’ingegneria – presso l’Università di Harvard, Cambridge (2007), il Museo del Teatro Romano a Cartagena (2008), la Biblioteca dell’Università di Deusto (2009), i Laboratori della Novartis a Basilea, Svizzera (2009), il Centro Civico “La Romareda” a Saragozza (2010), il Laboratorio delle Scienze presso la Columbia University, New York (2010), la Parrocchia Riberas de Loiola a San Sebastián (2011) e il Centro Congressi di Toledo (2012).

Attualmente Rafael Moneo lavora al Centro di Neurologia e Psicologia dell’Università di Princeton, New Jersey (2006), all’ampliamento della Stazione Atocha di Madrid (2008) e al Centro d’Arte Contemporanea dell’Università di Navarra (2008).

L’attività di architetto di Rafael Moneo si accompagna a quella di relatore di conferenze e critico. Cofondatore della rivista Arquitecturas Bis, gli scritti di Rafael Moneo sono stati pubblicati in varie riviste del settore e la presentazione dei suoi lavori a conferenze e incontri lo hanno portato a presenziare in più istituzioni anche oltreoceano. Nel 2005 ha pubblicato il libro “INQUIETUDINE TEORICA E STRATEGIA PROGETTUALE nell’opera di otto architetti contemporanei” che è stato tradotto in 7 lingue. Nel settembre 2010 sono stati presentati contemporaneamente due suoi libri: “APPUNTI SU 21 OPERE” (Gili) e “REMARKS ON 21 WORKS” (Monacelli).

Rafael Moneo è stato insignito di vari riconoscimenti, tra i quali il Premio Pritzker di Architettura nel 1996 e la Medaglia d’Oro del Royal Institute of British Architects nel 2003. Eletto Professore di Belle Arti nel 1997, ha assunto l’incarico all’inizio del 2005. Nel 2006 il Consiglio Superiore del Collegio degli Architetti di Spagna gli ha conferito la Medaglia d’Oro dell’Architettura Spagnola e nel 2012 ha ottenuto il Premio Principe delle Asturie per le Arti.

 

Antonio Mazzeo

Presidente e direttore di WinMedical
WINMedical (sistema di qualità conforme ISO13485 e ISO9001) è un’azienda leader nel settore delle apparecchiature elettromedicali per reparti a media e bassa intensità di cura e si occupa della progettazione, dello sviluppo e della commercializzazione di sistemi medicali wireless, basati su tecnologie all’avanguardia, per il benessere e la salute dell’uomo e la donna del terzo millennio.
Nato a Pisa nel 2009 come Spin-Off della Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento S’Anna (SSSUP) e cresciuto all’interno dell’incubatore Pon-Tech, attualmente ha sede in Via Giuntini 63 (int. A4) a Navacchio (PI).
Nel 2011, credendo fortemente nell’innovazione e nelle potenzialità dei prodotti WINMedical, un gruppo di soci di Italian Angel For Growth, il principale gruppo italiano di business angel, attraverso il veicolo Wireless 29 srl e il Fondo SICI- Sviluppo Imprese Centro Italia SGR s.p.a. investono in WINMedical
 

Aimee Madsen

Regista
Oggi autrice cinematografica indipendente, Aimee Madsen ha lavorato in televisione e nel cinema per più di cinque anni come cineoperatrice, videografica, produttrice, regista, sceneggiatrice e montatrice cinematografico.
Aimee ha lavorato al suo film documentario "Paolo Soleri: Beyond Form" per più di tre anni.
Come fotografo di scena per l'editoria, Aimee vanta un'esperienza più che ventennale di scatti per pubblicazioni di libri e riviste, tra cui Native Peoples, Arizona Highways, Worth, Sunset, Outdoor Photographer, New Mexico Magazine, Phoenix Magazine, e Transitions Abroad. Ha fotografato inoltre per l'editore NorthWord Press e per la raccolta di immagini, rinomata a livello internazionale, Gamma Liaison.
 

Clara Miramonti

UNI (Segreteria del CEN TC 67 "Ceramic Tiles")
Clara Miramonti, Funzionario Tecnico della Divisione "Edilizia, infrastrutture, impianti ed energia" dell'UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione.
Per l'attività nazionale, è Segretario
- della Commissione "Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio" e della sua  Sottocommissione "Rivestimenti di pavimenti e pareti";
- della Commissione "Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato";
- del Gruppo di lavoro "Sostanze pericolose nei prodotti da costruzione".
Per l'attività europea è Segretario
- del Comitato Tecnico CEN/TC 67 "Piastrelle di ceramica" e segue l'attività del corrispettivo Comitato Tecnico ISO/TC 189;
- del Comitato Tecnico CEN/TC 246 "Pietre naturali";
- del gruppo congiunto JWG 229/246 "Prodotti lapidei agglomerati".
 

Luigi Martirano

Ricercatore universitario docente di domotica ed uso razionale dell'energia
Luigi Martirano è ricercatore universitario presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica dell'Università Sapienza di Roma, è docente del corso di domotica ed uso razionale dell'energia elettrica, è membro dei comitati tecnici del CEI 205 Sistemi bus per gli edifici e 311b. G Parise, L Martirano: Impact of Building Automation, Controls and Building Management on Energy Performance of Lighting Systems, IEEE/I&CPS 2009, May 3-7, Calgary, Canada.Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell’edilizia. UNI EN 15232 ottobre 2007, UNI EN 15193-1, marzo 2008.
 

Marco Missaglia

Docente di Economia internazionale Università Pavia
Insegna Economia internazionale all’Università di Pavia, dove coordina la Scuola Superiore in Cooperation and Development. Si occupa di cooperazione internazionale ed economia dello sviluppo.
 

Tiziano Manfredini

Docente Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell'Ambiente Facoltà di Ingegneria Università di Modena e Reggio Emilia
Professore Ordinario di Scienza e Tecnologia dei Materiali ed attualmente titolare del Corso di Ingegneria del Processo Ceramico presso la Facoltà di Ingegneria di Modena dell’Università di Modena e Reggio Emilia. E’ Presidente dei Corsi di Laurea in Ingegneria dei Materiali e Laurea Specialistica in Progettazione e Sviluppo di Nuovi Materiali.
Il prof. Manfredini ha svolto un'intensa attività scientifica nell'ambito della scienza e tecnologia dei materiali, interessandosi della loro progettazione, sintesi, struttura, trasformazioni, reattività ed applicazioni. Nell'attività scientifica particolare risalto hanno avuto gli studi inerenti i materiali ceramici, che sono stati affrontanti sia nei loro aspetti teorici, ma anche in quelli più applicativi, tenendo conto che la grande evoluzione nelle tecnologie industriali e nei processi avvenuta in questi anni ha profondamente trasformato i settori, richiedendo lo sviluppo di nuovi materiali con prestazioni tecniche nettamente superiori alle precedenti. Il Prof. Manfredini è autore e/o co-autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche riguardanti diversi aspetti dei materiali soprattutto ceramici e vetro. Nel settore dei materiali ceramici l'attività può essere distinta in quattro grandi filoni: i) Materiali ceramici tradizionali da costruzione; ii) Progettazione, caratterizzazione ed applicazione di materiali vetro-ceramici, coloranti e pigmenti; iii) Innovazione di processo e materiali ad alte prestazioni; iv) Approcci modellistici multiscala predittivi e processi di ricoprimento superficiale.
Tiziano Manfredini è stato ed è attualmente coordinatore di un gran numero di progetti di ricerca finanziati da M.U.R., C.N.R. e U.E e aziende nazionali ed internazionali.  Oltre all'attività didattica e di ricerca istituzionale negli ultimi anni il prof. Manfredini ha svolto un'intensa attività di formazione professionale e di trasferimento delle conoscenze e di servizio alle aziende ceramiche, allo scopo di favorire una stretta integrazione fra aziende, centri avanzati di ricerca e realtà accademiche.
 

Enzo Mari

Architetto e Designer
Nato a Novara nel 1932, lavora in diverse direzioni mantenendo come riferimento la riflessione sui significati di forma e progetto. Questa attività inizia negli anni Cinquanta con le ricerche sulla percezione visiva, è tra gli esponenti dell’Arte Programmata e Cinetica. Parallelamente a questa sua ricerca artistica, attraverso una ricerca formale individuale, inizia l’attività di designer, occupandosi anche di grafica, e di architettura.
Ha svolto corsi di insegnamento presso diverse scuole e università europee.
E' membro del "Centro Studi e Archivio della Comunicazione" di Parma, nel cui archivio sono raccolti circa novemila suoi disegni originali.
Per il suo lavoro di ricerca e progettazione gli sono stati conferiti vari premi tra i quali quattro "Compasso d'Oro".
Ha partecipato alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. Ha realizzato diverse mostre, tra le quali: Il lavoro al centro, Centre d’Art Santa Monica, Barcellona nel 1999, poi spostata alla Triennale di Milano nel 2000 e la grande esposizione recentemente conclusa Enzo Mari, L’Arte del Design, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino nel 2008.
Esemplari delle sue opere e degli oggetti di design fanno parte di importanti collezioni in musei come il MOMA di New York e il Musée du Louvre di Parigi.
Il suo lavoro é documentato in numerose pubblicazioni, tra le quali:
A. C. Quintavalle (a cura di), Enzo Mari, Salone delle Scuderie in Pilotta, Università di Parma, Centro Studi e Archivio della Comunicazione, CSAC, Dipartimento Progetto, Parma 1983.
F. Burkhardt, J. Capella, F. Picchi Perché un libro su Enzo Mari, Federico Motta Editore, Milano 1997.
A. D’Avossa, F. Picchi, Enzo Mari. Il lavoro al centro, catalogo della mostra, Triennale di Milano (11/1999-1/2000), Electa, Milano 1999.
G. C. Bojani (a cura di), Enzo Mari. Tra arte del progetto e arte applicata, catalogo della mostra, Museo Internazionale delle Ceramiche, Faenza (6/2000-11/2000), Studio 88 Editore, Faenza 2000.
P. G. Castagnoli, E. Regazzoni, Enzo Mari. L’arte del Design, catalogo della mostra curata da E. Mari, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea GAM, Torino (10/2008-2/2009), Federico Motta Editore, Milano 2008.
Ha recentemente pubblicato:
E. M., Progetto e passione, Bollati Boringhieri editore, Torino 2001.
E. M., La valigia senza manico, Bollati Boringhieri editore, Torino 2004.
E. M., Lezioni di disegno – Storie di risme di carte, draghi e struzzi in cattedra, Edizioni Rizzoli, Milano 2008.
 

Fabio Mariani

Architetto
1991 laurea in architettura a Firenze con il massimo dei voti e lode; dal 1993 svolge il ruolo di “cultore della materia” di “tecniche della rappresentazione”; 1992 inizia la collaborazione presso lo studio Ambasz&Associates di New York, e Bologna; 1993 Apre il proprio studio professionale, mantenendo attiva la collaborazione con lo studio Ambasz; 1998 Fonda con il fratello Luca la società Mariani&Associati real estate; 2006 Apertura della sede di Praga della Mariani&Associati real estate; 1993 n°2 Rivista “Antiqua” L’architettura Delle Città Di Mare; 1999 n° 140 Rivista di architettura “L’Arca” Linguaggi; 2007 n°12 rivista di architettura “Progettare” nuovi Paesaggi urbani; 2008 Maggioli Editore Coperture a Verde; 2009 Maggioli Editore Verde Verticale; 2010 rivista di architettura Domus “Villa Alta”.
 

Claudio Montanari

Imprenditore del settore Alberghiero
Laurea in economia a Bologna. Proprietario e gestore dell’Hotel Adlon di Riccione, collabora con numerosi hotel in Italia e all’estero. Dal 1996 ha fondato numerosi consorzi alberghieri.
Dal 2001 si occupa di analisi di fattibilità nel settore alberghiero Dal 2001 al 2007 docente presso la Facoltà di Economia dell’Università di Bologna Dal 2006 consigliere dell’Unione di Prodotto Costa dell’Emilia-Romagna.
 

Carlo Massarini

Giornalista e Conduttore Televisivo
Carlo Massarini, nato nel 1952, cresciuto fra La Spezia, il Canada, Roma e New York.
E' autore e conduttore di trasmissioni radiofoniche e televisive e ha attraversato in maniera multimediale i mezzi di comunicazione seguendo un percorso che lo ha portato dalla musica alle tecnologie.  Ha esordito nel 1971 con le trasmissioni radiofoniche Per Voi Giovani e Popoff, negli anni '80 è stato autore e conduttore di Mister Fantasy il primo programma al mondo di videoclip, con particolare attenzione al mondo della grafica, design, video arte. Parallelamente nel mondo musicale ha lavorato come giornalista e fotografo (un suo foto-libro su quegli anni, "Dear Mister Fantasy", uscirà per Rizzoli a novembre).
Dal 1995 al 2002 è stato autore e conduttore di Mediamente, il primo programma televisivo italiano a trattare il tema delle nuove tecnologie. Su questo tema ha collaborato con i Ministeri della Pubblica Istruzione e la Presidenza del Consiglio, e con moltissime aziende del settore. Ha tenuto lezioni e conferenze sul tema delle nuove tecnologie presso lo IULM, l'ILAS, la Bocconi, la Sapienza di Roma e la Reiss Romoli dell'Aquila, le Università di Napoli e Padova.
 

Alessandro Marata

Docente Facoltà di Architettura di Cesena
Docente presso la facoltà di Architettura di Cesena, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Bologna e titolare dello studio associato Arkit & Partners.
Ha ottenuto numerosi premi e segnalazioni in concorsi nazionali ed internazionali ed è stato invitato alla mostra “Architetti italiani under 50” alla Triennale di Milano.
 

Stefania Minestrini

ISPRA
Stefania Minestrini, laureata in Economia presso l’Università La Sapienza di Roma, ha svolto attività di consulenza in campo ambientale e dal 1999 lavora presso ISPRA (ex APAT) sulla qualità ecologica dei prodotti. Dal gennaio 2006 è responsabile del Settore Ecolabel del Servizio per le Certificazioni Ambientali di ISPRA, Settore di supporto tecnico all’organismo competente italiano per il rilascio del marchio Ecolabel europeo.
 

Nicola Marzot

Docente e Ricercatore Facoltà di Architettura di Ferrara
Laurea presso la Facoltà di architettura di Firenze.
Dottore di Ricerca (PHD) in Ingegneria Edilizia e Territoriale, Facoltà di Ingegneria di Bologna,
PHD in Architectural and Urban design, TU Delft Polytechnic, Delft, Olanda (in corso).
 1965 Nasce a Imola (Bologna), Italia.
 1994 Collabora con Stefano Pompei, responsabile commissione INU Perequazione Urbanistica.
 1996 Fonda lo studio PERFORMA A+U.
 1995-1998 Professore a contratto, Facoltà di Architettura di Ferrara.
 1997-1999 Professore a contratto, Facoltà di Architettura di Firenze.
 2000-2003 Professore a contratto, Facoltà di Ingegneria di Bologna.
 2003 Visiting Professor in Architecture, Hosey University, Tokyo, Giappone.
 2004 Visiting Professor in Engineering, Lund University, Svezia.
 2006-2008 Visiting Professor in Architecture,TU Delft Polytechnic, Delft, Olanda.
2004- Ricercatore in Composizione architettonica e urbana, Facoltà di architettura di Ferrara.
2004- Professore di Composizione Architettonica I, Facoltà di architettura di Ferrara.
2002- Consulente urbanistico di Oikos Centro studi sull’abitare.
2005- Responsabile Urbanistica dell’Osservatorio Immobiliare di Nomisma Spa.
 

Alberto Meda

Designer

Nota biografica
Nato a Tremezzina (Como) nel 1945, laureato in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano nel 1969.
Direttore tecnico della Kartell dal 1973, responsabile dello sviluppo  prodotti della divisione labware  e  della divisione  complementi  di arredo.Dal 1979 progettista libero professionista collabora con la Brevetti Gaggia e dal 1981 per quattro anni  con la progettazione della   Alfa Romeo Auto.
Attualmente svolge la sua attività di industrial designer con varie aziende: Alias, Alessi, Arabia-Finland, Cinelli, Colombodesign, Italtel Telematica, JcDecaux, Mandarina Duck, Ideal Standard, Luceplan, Kartell, Omron Japan, Philips, Olivetti. Kohl, Vitra 

Mostre
“Creativitalia” (Tokio1990) e una personale alla Design Gallery di Matzuia Ginza (Tokio1990).  
XVIII Triennale, ‘La leggerezza’ sezione del ‘Il Giardino delle cose’ (Milano1992).
“Mestieri d’autore” (Siena1993), 
“Mutant materials in contemporary design“ al MOMA-(NewYork 1995)
“Meda-Rizzatto” alla Galerie Binnen (Amsterdam 1996)
Personale al  Salon du Meuble (Parigi 1999)
“Italia e Giappone;design come stile di vita” (Yokohama , kobe 2001)

Attività didattica e di  ricerca
Dal 1983 al 1987 docente di tecnologie industriali alla Domus Academy
Dal 1995 al 1997, docente  al Corso di Laurea di Disegno Industriale al Politecnico di Milano con un laboratorio di progettazione
Dal 1995 al 1997 Membro del Vorstand del Designlabor di Bremerhaven
Dal 2003 al 2007 docente allo IUAV di Venezia  con un laboratorio di progettazione nel corso di master in disegno industriale
Numerose conferenze e seminari in Europa,  in Giappone e negli Stati Uniti tra cui a Chicago, a St.Louis alla Washington University  School of Architecture, a    Stockholm  con wokshop    ‘And now….”  , a Boisbuchet, a Miami, a  San Paulo, a  Ulm.a Istanbul, a Toronto, a Mexico.

Premi
1989 ‘Compasso d'oro’ per  la serie di lampade Lola, nel 1994 per la serie "Metropoli" e nel 2008 con la lampada Mix  di Luceplan
1992 "Design Plus" Internationale  per la lampada Titania -Luceplan
1994 " European Design Prize " per il suo lavoro con  Luceplan.
1997 I.D  design review-’Best of category’ per  Meda chair per Vitra
1998 Good design Gold Prize-Japan  con Vitra - Meda chair
1999 Designer of the year-Salon du Meuble de Paris
2000 Bundespreis Produktdesign 2000/2001 con Meda chair
2001 Good Design Award Chicago Athenaeum con  Arabia's Water
2003  Reddot Award  per i coltelli  Iittala  Finland
2005  “Hon Royal Designer  for Industry”  Londra RSA
2006 "Design Plus" e “Light of the future” per lampada MIX di Luceplan
2007  INDEX:award with Solar Bottle
2011 ‘Compasso d’oro’ con il tavolo Teak  di Alias
2012 “ Design Plus” con Otto Watt di luceplan

Dal 1994  il MOMA-Museum of Modern Art di  New York include nella Design Collection le sedie "Light light" 1987 e "Soft light"1989 “Longframe” 1991 per Alias e la lampada  "On-Off " 1988 per Luceplan.

Bibliografia
Alberto Meda di Francesca Picchi
Collana Prontuario- Abitare Segesta edizioni- 2003
Il design di Alberto Meda-Una concreta leggerezza
di Domitilla Dardi  Ed. Electa 2005
Alberto Meda -I protagonisti del design- Hachette 2012

Vive e lavora  a Milano.

 

Stefano Mirti

Progettista Id-Lab, docente di design all'Universita' Bocconi di Milano

Nota biografica
Stefano Mirti, progettista (Id-Lab), docente di design all'Universita' Bocconi di Milano, coordina i progetti dell’Id-lab (Interaction Design Lab) a Torino. Si laurea in architettura al Politecnico di Torino con successivo dottorato di ricerca presso lo stesso Politecnico.
Successivamente si trasferisce in Giappone per il post-dottorato (Tokyo University, Tadao Ando Lab) con successivo incarico di insegnamento presso la Tama Fine Art Academy (Tokyo). Dal 2006 è stato responsabile del programma di design della NABA e ha lavorato come consulente per Torino World Design Capital 2008. Dal 2001 al 2005 è stato Associate Professor all’Interaction Design Institute di Ivrea, una istituzione didattica e di ricerca a cui hanno dato vita Olivetti e Telecom Italia. Dal 2000 al 2001 ha insegnato alla Tama Art University (Tokyo) e realizzato diversi progetti di design, tra cui polycarbonate house e neon gardens. Ha anche impostato Now the Future - un atlante digitale che documenta iniziative ed eventi di design in tutto il mondo. Prima di andare in Giappone è stato tra i fondatori di Cliostraat - un gruppo di architetti, artisti e fotografi che progetta edifici, parchi, strutture pubbliche e padiglioni espositivi. Mirti ha ricevuto tre volte (nel 1995, 1997 e 2001) lo European Architectural Prize. Nel 2004, gli è stato conferito la Bronze Medal for Cultural Merits della Repubblica Italiana. I suoi lavori sono stati esposti al Victoria & Albert Museum di Londra, alla Triennale di Milano, alla Biennale di Venezia e alla Beijing First Biennale of Architecture.

 

Bettina Magistretti

Architetto Studio Sauerbruch Hutton
Nota biografica
Bettina Magistretti (Berlino, 1971), ha conseguito la Laurea all'Università Tecnica di Berlino, Istituto per Architettura Ingenieristica ed Ecosostenibile, ha studiato inoltre all'IIT, Chicago e alla Escola Tècnica Superior d'Arqutitectura de Barcelona.
Dal 1999 collabora con Renzo Piano Building Workshop (Genova) in Italia, poi con lo studio Foster and Partners a Berlino. Dal 2007 segue progetti in Italia come direttore di progetto all'interno dello studio anglo-tedesco Sauerbruch Hutton.
 

Daniela Mainini

Presidente Consiglio Nazionale Anticontraffazione
Nota biografica
Laureata a pieni voti presso l'Università degli Studi di Milano facoltà di Giurisprudenza nel 1985, con una tesi in diritto penale, nel 1988 è Giudice Conciliatore della Provincia di Varese.
Dal 1989 sino al 1996 Vice Procuratore Onorario della Repubblica in Milano.
Avvocato Cassazionista, dal 1990 è iscritta all’Albo degli Avvocati di Milano e titolare dello Studio legale Mainini e Associati con sede a Milano e Roma, con specializzazione in Diritto Penale Industriale.(Lo studio Legale Mainini e Associati garantisce un alto livello qualitativo nel campo del diritto penale societario, tributario, antinfortunistico, sanitario, ambientale e dell'informazione)
La fondatrice Avv Daniela Mainini ha inoltre maturato una particolare esperienza anche nell’elaborazione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del Dlgs. 8 giugno 2001 n. 231 e nell’attività di consulenza e formazione, per numerose aziende anche multinazionali.
Cultrice della materia di Diritto Industriale presso la Cattedra di Diritto Industriale dell’Università degli Studi di Milano - Prof Ghidini.
Dal 1990 al 2002 Segretario Generale del COLC Italia (Comitato Lotta alla Contraffazione), primo Comitato costituito nel 1989 da oltre 200 aziende colpite dal fenomeno della contraffazione.
E’ presidente del Centro Studi Grande Milano dal 2002 e Presidente del Centro Studi Anticontraffazione. In data 7 Dicembre 2010 ha ricevuto attestato di benemerenza civica dal Comune di Milano “per l’illuminata Presidenza capace di interpretare in termini etici ed economici la lotta alla contraffazione e la tutela del made in Italy”.
In data 21 Gennaio 2011 è stata nominata dal Ministro dello Sviluppo Economico On. Paolo Romani, con delega a rappresentare il Ministro, Presidente del Consiglio Nazionale Anticontraffazione. Il Consiglio è il massimo organo strategico - politico in materia di contrasto alla contraffazione a livello nazionale con funzioni di indirizzo, impulso e coordinamento delle azioni strategiche intraprese da ogni amministrazione, al fine di migliorare l’insieme delle azioni di contrasto della contraffazione a livello nazionale.
Il Consiglio è composto da un rappresentante di dieci Ministeri e precisamente , Ministero della difesa, Ministero degli affari esteri, Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, Ministero dell’Interno, Ministero della Giustizia, Ministero per i beni e le attività culturali, Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, Ministero della Salute,da un rappresentante del Dipartimento della funzione pubblica e da un rappresentante dell’ ANCI.
Consulente di molte associazioni di categoria ed aziende in materia di penale di impresa, ha partecipato come relatrice negli ultimi anni ad oltre 100 eventi, con numerose pubblicazioni.
 

Edoardo Francesco Mazzilli

Agenzia delle Dogane
Nota biografica
Edoardo Francesco Mazzilli, 51 anni, laureato in Giurisprudenza alla Università di Bari e specializzato presso la Scuola Superiore delle Pubblica Amministrazione, è entrato a far parte del Ministero  dell’ Economia e delle Finanze dal 1988, presso l’Agenzia delle Entrate. Dopo un’esperienza presso la dogana di Prato (1999-2002), nel 2002 diviene Funzionario dell’Ufficio Antifrode centrale – Ufficio analisi dei rischi, nel 2003 entra nel Ufficio Antifrode centrale – Ufficio sviluppo e coordinamento operativo,dove si occupa dell’attuazione del SID (Sistema di Informazione Doganale), di  lotta alla contraffazione, nel cui ambito si occupa del coordinamento e dello sviluppo delle iniziative volte al contrasto a tale fenomeno illecito, sia in campo nazionale che internazionale. In campo nazionale si occupa della predisposizione degli strumenti applicativi (circolari, istruzioni, determinazioni) della normativa comunitaria e nazionale; in campo internazionale rappresenta la posizione italiana in seno alla Commissione europea – Comitato Contraffazione/Comitato Mutua Assistenza - ; tutela del made in Italy attraverso la predisposizione di not, istruzioni e determinazioni per gli uffici centrali e periferici; cura inoltre i rapporti internazionali, attraverso la predisposizione di note, appunti, schemi di intervento, relazioni sulle riunioni internazionali cui si esaminano aspetti connessi all’attività antifrode.
Dal 2003 è Coordinatore per l’Italia del sistema europeo SID. Dal  2003 al 2007 riveste inoltre il ruolo di Esperto designato per l’Italia presso il Comitato Codice doganale – sezione contraffazione – , gruppo di lavoro costituito presso la Commissione europea dagli esperti nel settore contraffazione degli Stati membri. In tale comitato è stato esaminato la bozza del nuovo Regolamento comunitario concernente l’intervento dell’autorità doganale nei confronti di merci sospettate di violare taluni diritti di proprietà intellettuale e le misure da adottare nei confronti di merci che violano tali diritti. Dal  2004 è Membro della delegazione italiana al CCWP – Gruppo di Cooperazione doganale, Gruppo di lavoro presso il Consiglio dell’Unione europea che si occupa della cooperazione doganale nel settore della Giustizia ed Affari interni.Da  febbraio ad aprile 2007 è Rappresentante per l’Italia ai meeting di Berlino nell’ambito del G 8 esperti, in tema di tutela dei diritti di proprietà intellettuale. Da settembre 2007ricopre l’Incarico di reggente dell’Ufficio di Audit interno della Direzione regionale per il Lazio e l’Umbria, in tale ambito si è occupato di monitoraggio delle attività di controllo ordinarie e antifrode, controlli ex lege 662/96, verifiche straordinarie e Audit di processo, del quale ha svolto tutte le attività, anche a livello informatico .Dal  gennaio  2009 è Responsabile della segreteria di sicurezza N.A.T.O.
Dal 2010 è Responsabile dell’Ufficio Investigazioni dell’Ufficio Antifrode centrale e Consulente della Commissione Parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione e pirateria in campo commerciale.
Dal 2011 è membro designato in rappresentanza dell’Agenzia delle Dogane presso il CNAC – Consiglio nazionale anti contraffazione.
Ha inoltre svolto attività di formazione Antifrode in vari differenti ambiti, oltre che relatore in numerosi convegni sulla tutela del Made In e sulla lotta alla contraffazione.
 

Alessandro Mendini

ALESSANDRO MENDINI, architetto è nato a Milano. Ha diretto le riviste "Casabella", "Modo" e "Domus". Sul suo lavoro e su quello compiuto con lo studio Alchimia sono uscite monografie in varie lingue.
Realizza oggetti, mobili, ambienti, pitture, installazioni, architetture. Collabora con compagnie internazionali come Alessi, Philips, Cartier, Bisazza, Swatch, Hermés, Venini ed é consulente di varie industrie, anche nell'Estremo Oriente, per l'impostazione dei loro problemi di immagine e di design. E' membro onorario della Bezalel Academy of Arts and Design di Gerusalemme. Nel 1979 e nel 1981 gli è stato attribuito il Compasso d'oro per il design, è "Chevalier des Arts et des Lettres" in Francia, ha ricevuto l'onorificenza dell'Architectural League di New York e la Laurea Honoris Causa al Politecnico di Milano. E’ stato professore di design alla Hochschule für Angewandte Kunst a Vienna ed è professore onorario alla Accademic Council of Guangzhou Academy of fine Arts in Cina. Suoi lavori si trovano in vari musei e collezioni private.
Nel 1989 ha aperto assieme al fratello, architetto Francesco, l'Atelier Mendini a Milano, progettando le Fabbriche Alessi a Omegna, la nuova piscina olimpionica a Trieste, alcune stazioni di metropolitana e il restauro della Villa Comunale a Napoli; il Byblos Art Hotel-Villa Amistà a Verona, i nuovi uffici di Trend Group a Vicenza, in Italia; una torre ad Hiroshima in Giappone; il Museo di Groningen in Olanda; un quartiere a Lugano in Svizzera; il palazzo per gli uffici Madsack ad Hannover e un palazzo Commerciale a Lörrach in Germania; il Museo della Ceramica a Icheon, la nuova sede della Triennale di Milano e il Complesso Fieristico a Incheon in Corea, altri edifici in Europa e in U.S.A. L'Atelier Mendini ha ricevuto la Medaglia d'oro all'architettura italiana 2003 alla Triennale di Milano per il progetto della Metropolitana di Napoli e il Villegiature Awards 2006 a Parigi per il Byblos Art Hotel di Verona, come “Best Hotel Architecture and Interior Design in Europe”. Svolge consulenza urbanistica in alcune città della Corea.
Il suo lavoro, teorico e scritto, oltre che progettuale, si sviluppa all'incrocio fra arte, design e architettura.
Condividi su