Contattaci
it| en
Salone Internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno
23-27 settembre 2019

Visitatori - Giornalisti

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password? Clicca sulla tua area:
Visitatori - Giornalisti

I protagonisti

 

Silvia Foglia

Country Operations Manager di Houzz Italia

Nota biografica
Silvia Foglia è Country Operations Manager di Houzz Italia, la piattaforma online leader mondiale nel settore dell'arredamento e del design di interni e esterni, che fornisce tutto il necessario per rinnovare la casa.

Precedentemente è stata Country Manager Italia e poi Head of Community Management in twago, piattaforma leader in Europa per progetti in outsourcing e il lavoro online. Ha inoltre lavorato prima a Stoccolma e poi a Barcellona per Cint AB, azienda di ricerca di mercato svedese specializzata in ricerche online - responsabile dei clienti italiani.
Dal 2012 è relatrice al MADE, il Master in Digital Entrepreneurship di H-Farm.

 

Norman Foster

architetto

nota biografica
Lord Foster (nel 1999 è stato insignito da Sua Maestà Britannica del titolo di Lord Foster di Thames Bank) è nato a Manchester nel 1935. Dopo essersi diplomato alla Scuola di Architettura e Pianificazione Urbana dell'Università di Manchester nel 1961, continua gli studi frequentando un master in architettura presso l'Università Yale, negli Stati Uniti. Dopo l’esperienza dello studio Team 4, costituito insieme a Richard Rogers e alla prima moglie Wendy, nel 1964 fonda con quest’ultima a Londra lo studio Foster Associates, a cui seguirà la creazione di Foster + Partners, che oggi è presente in oltre 20 paesi. Nel 1999 Norman Foster ha ricevuto il premio Pritzker e nel 2000 gli è stato assegnato il Praemium Imperiale Award for Architecture. 

Tra le sue opere più note, si ricordano la sede Willis Faber & Dumas (Ipswich, Inghilterra), il Sainsbury Centre for Visual Arts (Norwich, Inghilterra), la sede della Hongkong Bank (Hong Kong), l’Aeroporto Internazionale di Hong Kong e quello di Stansted (Londra, Inghilterra), la Metropolitana di Bilbao (Spagna), la Torre de Collserola (Barcellona, Spagna), il restauro del Reichstag (Berlino, Germania), il Carrè d’Art (Nimes, Francia), il Municipio di Londra (Inghilterra) e la sede centrale della Swiss Re alla 30 St. Mary Axe (Londra, Inghilterra).
I suoi lavori più recenti includono il Millenium Bridge di Londra, il Viadotto di Millau in Francia, l’Hearst Tower di New York, l’Aeroporto internazionale di Pechino, Masdar City negli Emirati Arabi e il Campus 2 della Apple a Cupertino, California.

 

Arturo Franco

Architetto
Nota biografica
La Coruña 1972. Si laurea in architettura presso la Escuela Politécnica di Madrid (ETSAM) nel 1998, ottenendo il massimo dei voti. Da allora concilia con lo stesso impegno la critica architettonica, l’insegnamento, la ricerca e l’esercizio professionale. È stato per più di dieci anni critico di architettura del quotidiano ABC, occupandosi allo stesso tempo dell’analisi del panorama dell’architettura contemporanea per diverse pubblicazioni nazionali e internazionali, oltre ad aver diretto programmi radiofonici, dibattiti, congressi e seminari relativi all’attualità e al futuro della professione. Dal 2008 dirige la rivista del Collegio Ufficiale degli Architetti di Madrid, pubblicazione con novant’anni di storia, dando il via alla fase Fundamentos. Attualmente è professore associato del dipartimento di composizione architettonica presso la Escuela Politécnica di Madrid e professore ospite alla Universidad Pontificia di Salamanca. Ha tenuto lezioni e conferenze sulle sue opere in città spagnole come Madrid, Toledo, La Coruña, Logroño, Alicante, Barcellona, Valencia o estere, come Parigi, Lisbona, Bruxelles, Quito, Santiago de los Caballeros, Santo Domingo, Funchal o Buenos Aires. Il suo lavoro come architetto è stato riconosciuto con il primo premio da parte del Comune di Madrid, il Collegio degli Architetti di Madrid e della Galizia, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, o come finalista nell’ambito dei premi Piedra Natural, Arquia, FAD, ENOR, Saloni, o i Swiss Architecture Awards. Le sue opere più significative, tra le quali figurano i diversi interventi realizzati nel Matadero di Madrid, ex mattatoio, gli hanno permesso di essere selezionato tra i giovani architetti spagnoli di maggior successo da parte del quotidiano El País, la Fundación Caja de Arquitectos, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (JAE), Architectural Digest o 2G, così come nella selezione dei venticinque architetti internazionali con meno di cinquant’anni da parte dell’università svizzera di Mendrisio. Il suo lavoro è stato ampliamente pubblicato all’interno di riviste riconosciute a livello internazionale quali Domus, Arquitectura Ibérica, Diseño Interior, Detail, 2G, Arquitectura Viva, Architectural Digest, A+T, Tectónica, China Architecture and Design, Bauwelt o Wallpaper, per citarne alcune.
 

Marco Franchini

Nota biografica
Laurea in Psicologia ad indirizzo Clinico e di Comunità presso l’Università di Bologna. Psicoterapeuta psicoanalitico interpersonale specializzato presso l’Istituto Sullivan di Firenze. Presidente dell’ASP (Azienda di Servizi alla Persona) “Giorgio Gasparini” di Vignola. Come libero professionista ha maturato molte ore di lavoro sia individuale che consulenziale. E’ intervenuto in qualità di esperto in numerose conferenze ed ha curato diverse pubblicazioni, tra le quali “Psicoanalisi dell’architettura. Lo spazio come dimensione dell’anima”. Già ideatore di diversi appuntamenti culturali e tra i quali il “Festival della Psicologia” di Bologna di cui è co-ideatore e co-reallizzatore.  Lavora da tempo per un integrazione pubblico-privato ognuno portatore delle proprie specificità: una visone di insieme non speculativa, della prima, a cui integrare l'efficace ed efficiente azione realizzativa della seconda. Da welfare a WELLfare.
 

Giuseppe Ferrari

Segretario del Centro Studi sulle Culture della Pace e della Sostenibilità Università di Modena e Reggio Emilia
E'segretario del Centro Studi sulle Culture della Pace e della Sostenibilità all’Università di Modena e Reggio Emilia, si occupa di etica ambientale e insegna Filosofia e storia nei licei.
 

Jens Fellhauer

Industrieverband Keramischen Fliesen und Platten, Germania
Jens Fellhauer, nato in St. Gallen/CH nel  1961, è sposato e ha 4 figli.
Laureato in giurisprudenza all´Universita´di Monaco di Baviera,
è diventato avvocato nel 1989, anno in cui ha aperto il suo Studio legale internazionale a Monaco di Baviera ; Treuhandanstalt caporeparto della sezione management contrattuale; dal 2002 direttore del Industrieverband keramische Fliesen und Platten e.V. (Associazione dei Produttori di piastrelle ceramiche in Germania) e presidente del CEN/TC 339 dal 2008.
 

Maurizio Ferraris

Filosofo
E' professore ordinario di Filososofia teoretica nella Università di Torino, dove dirige il LabOnt (Laboratorio di ontologia). È direttore della “Rivista di Estetica”, condirettore di “Critique” ed editorialista di “La Repubblica”. Directeur d’études al Collège International de Philosophie, Fellow della Italian Academy for Advanced Studies in America e della Alexander von Humboldt Stiftung, visiting professor alla Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e in altre università europee e americane, ha scritto più di quaranta libri tradotti in varie lingue, tra cui Storia dell’ermeneutica (1988), Estetica razionale (1997), Dove sei? Ontologia del telefonino (2005, Premio filosofico Castiglioncello) e Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce (2009). Alla sua carriera è stato conferito nel 2008 il Premio Filosofico “Viaggio a Siracusa”, ed è in uscita in settembre da Bompiani Ricostruire la decostruzione.
 

Marcello Fois

Scrittore
(Nuoro, 1960) è uno scrittore, commediografo e sceneggiatore italiano.
Nel 1986 si laurea in italianistica presso l'Università di Bologna. Nel 1989 scrive il suo primo romanzo, Ferro Recente che, grazie a Luigi Bernardi della Granata Press, viene pubblicato nel 1992 in una collana di giovani autori italiani, nella quale figurano anche i primi libri di Carlo Lucarelli e Giuseppe Ferrandino.
Sempre nel 1992 pubblica Picta, con cui vince (ex aequo con Mara De Paulis) il Premio Italo Calvino; nel 1997, per Nulla (con cui inizia la collaborazione con la casa editrice Il Maestrale), riceve il Premio Dessì.
Nel 1998, ancora per Il Maestrale, esce Sempre caro, primo romanzo di una trilogia (proseguita con Sangue dal cielo e L'altro mondo), ambientata nella Nuoro di fine Ottocento e che ha come protagonista un avvocato, Bustianu, personaggio per il quale Fois si è ispirato a un avvocato e poeta nuorese realmente esistito: Sebastiano Satta. Con Sempre caro nel 1998 vince il Premio Scerbanenco. Con Dura madre vince nel 2002 il Premio Fedeli e nel 2007 riceve il Premio Lama e trama alla carriera.
Oltre che alla narrativa, Fois si dedica anche alla sceneggiatura, sia televisiva (Distretto di polizia, L'ultima frontiera) che cinematografica (Ilaria Alpi. Il più crudele dei giorni), e al teatro per cui ha scritto L'ascesa degli angeli ribelli, Di profilo, Stazione (un atto unico per la commemorazione delle vittime della strage alla stazione di Bologna), Terra di nessuno e Cinque favole sui bambini (trasmesso a puntate da Radio 3 Rai). Dal suo racconto Disegno di sangue, pubblicato nel 2005 nell'antologia Crimini, è stato tratto un episodio dell'omonima fiction televisiva, trasmesso nel 2007 da Rai 2.
Ha scritto anche un libretto operistico tratto dal romanzo di Valerio Evangelisti Tanit.
Nel 2007, con il romanzo Memoria del vuoto, edito da Einaudi nel 2006, ha vinto il Premio Super Grinzane Cavour per la narrativa italiana, il premio Volponi e il premio Alassio 100 libri.
Opere:
L'elenco non comprende le raccolte di vari autori in cui è presente anche Fois.
Ferro Recente (Granata Press, 1992; poi ristampato da Einaudi nel 1999);
Picta (Marcos y Marcos, 1992; poi ristampato da Frassinelli nel 2003);
Meglio morti (Granata Press, 1993; poi ristampato da Einaudi nel 2000);
Falso gotico nuorese (Condaghes, 1993; poi inserito in "Materiali", Il Maestrale 2002);
Il silenzio abitato delle case (Moby Dick, 1996);
Gente del libro (Marcos y Marcos, 1996);
Sheol (Hobby & Work Publishing, 1997);
Nulla (Il Maestrale, 1997; "Premio Dessì");
Sempre caro (con prefazione di Andrea Camilleri, Il Maestrale 1998; poi coedizione Il Maestrale/Frassinelli, 1999);
Radiofavole (racconti in musica con CD; con Fabrizio Festa, Moby Dick, 1998);
Gap (Frassinelli, 1999);
Sangue dal cielo (con prefazione di Manuel Vázquez Montalbán, Il Maestrale/Frassinelli, 1999);
Sola andata (EL, 1999);
Cerimonia (CLUEB, 2000);
Compagnie difficili (con Albert Sánchez Piñol, Literalia, 2000);
Dura madre (Einaudi, 2001);
Piccole storie nere (Einaudi, 2002);
L'altro mondo (Il Maestrale/Frassinelli, 2002);
Materiali (Il Maestrale, 2002; ristampa di vari scritti già editi);
Ilaria Alpi. Il più crudele dei giorni (con Ferdinando Vicentini Orgnani, Frassinelli, 2003);
Tamburini. Cantata per voce sola (Il Maestrale, 2004);
Memoria del vuoto (Einaudi, 2006);
L'ultima volta che sono rinato (Einaudi 2006; poesie);
In Sardegna non c'è il mare. Viaggio nello specifico barbaricino (Laterza 2008) Stirpe (Einaudi 2009).
 

Giulio Ferroni

Docente di Letteratura Italiana, Università La Sapienza di Roma
Insegna Letteratura Italiana alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma. Autore di numerosi saggi e monografie, di taglio storico letterario o di impianto teorico, è stato docente in molte università straniere e ha collaborato e collabora a varie riviste e quotidiani nazionali.
 

Alberto Fregni

Centro Ceramico di Bologna
Alberto Fregni è Ricercatore Confermato per il settore Scienza e Tecnologia dei Materiali presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Bologna e docente di Scienza e Tecnologia dei Materiali e Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata. Svolge la sua attività di ricerca presso il Centro Ceramico di Bologna occupandosi principalmente dell’impatto ambientale dei processi produttivi ceramici e di certificazione ambientale di prodotto. Ha partecipato ai lavori dell’AHWG per l’aggiornamento dei criteri Ecolabel per il gruppo di prodotto Hard Floor Coverings ed ha preso parte ai lavori per la progettazione e specificazione dei criteri per la certificazione LEED degli edifici da parte di GBC Italia.
Condividi su