Visitatori – Tessere Espositore – Giornalisti

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password?
Clicca sulla tua area:
Visitatori - Giornalisti

Convegni e Seminari 2010
Hotel ed efficienza energetica

Sabato 02 Ottobre ore 9,30
Galleria dell'Architettura

Il tema dell’efficienza energetica investe tutto l’ambiente costruito. Nel campo particolare delle strutture ricettive diviene essenziale sia per la crescente attenzione dell’utenza verso i temi della sostenibilità (che in tal senso premia le strutture più evolute, dove la stessa efficienza energetica può divenire elemento attrattore), sia perché gli edifici alberghieri sono macchine particolarmente “energivore” (impiantistica ricca e complessa, utilizzazione molto diversificata  da parte degli ospiti, necessità di funzionamento continuo, collocazione in località con  estremi climatici accentuati).A questi temi di nuova progettazione, si uniscono quelli riguardanti l’esistente. La vocazione turistica dell’Italia ha formato nel tempo un patrimonio di edilizia alberghiera oramai storicizzata e spesso obsoleta  o comunque da riqualificare energeticamente.

Relatori

Arch. Andrea Rinaldi Leggi

Arch. Andrea Rinaldi

Direttore Centro Architettura Energia Facoltà di Architettura di Ferrara
Pensare sostenibile

Abstract
Pensare ad un’architettura per il benessere e l’identità delle persone, priva di eccessi, costruita con tecnologie semplici e innovative, nel rispetto delle risorse disponibili. Un costruire semplice che dura nel tempo dove spazio, forma e tecnica si corrispondono. Un nuovo modo di vivere, spazi in cui le relazioni permesse sono molteplici, dove la semplicità nasce da una grande complessità, dove la passione traspare da ogni angolo.

Nota biografica
Ricercatore in Composizione Architettonica e Urbana presso la Facoltà di Architettura di Ferrara, è Direttore del Centro di ricerca Architettura Energia e socio del Laboratorio di Architettura (RE).
Svolge la propria attività di ricerca nel campo della progettazione architettonica e urbana, oltre che sul rapporto tra progettazione architettonica, sostenibilità ed energia. E’ autore di articoli in volumi e in riviste di settore e partecipa con successo a premi e concorsi di architettura.
A.Rinaldi, (a cura di) Progettazione ed efficienza energetica, Maggioli, Rimini, 2010

chiudi
Prof. Arch. Paolo Rava Leggi

Prof. Arch. Paolo Rava

Architetto, rappresentante ANAB, assessore all’urbanistica Comune di Forlì
Strategie per la sostenibilità nell’edificio alberghiero

Abstract
Due esperienze progettuali, in due contesti microclimatici diversi , come la collina sul mare e la collina romagnola. Bed and breakfast e affittacamere ecostenibili e a basso impatto ambientale come indirizzo comune del progetto. Ricerca dei materiali locali a chilometro zero con l’utilizzo di tecniche costruttive compatibili regionalmente ed” a secco” , in progetti di retofit e ristrutturazione energetica dell’esistente. Il materiale naturale usato come risoluzione del comfort ambientale e nella personalizzazione degli interni , utilizzato come strategia di bassa emissione della CO2 per un ecoturismo.

Nota biografica
PAOLO RAVA, architetto; vive e lavora a Faenza, dal 1989 compie  studi e ricerche sulla teoria e sulla pratica nel campo della bioecologia in Architettura e sviluppa esperienze sulla Architettura naturale sostenibile e bioclimatica nel gruppo di ricerca Architettura e Energia. Svolge la attività nell’A+4 studio, tutor a corsi e laboratori, delegato ANAB, professore a contratto nel Laboratorio di Progettazione Architettonica alla Facoltà di Architettura di Ferrara. Autore di testi e saggi sulla sostenibilità.

chiudi
Prof. Luigi Martirano Leggi

Prof. Luigi Martirano

Ricercatore universitario docente di domotica ed uso razionale dell'energia

L’incidenza della building automation e della gestione tecnica nella prestazione energetica di un hotel

 

Abstract

Il potenziale dei sistemi di building automation (BACS) per migliorare l’efficienza energetica degli edifici è ormai ampiamente riconosciuto, in particolare per applicazioni di tipo alberghiero. Oltre a evidenti vantaggi in termini di sicurezza, gestione e manutenzione degli impianti tecnologici, i sistemi BACS possono consentire incrementi di efficienza energetica riducendo la quantità di energia necessaria per fornire un determinato servizio, offrendo tecnologie innovative e controllando e gestendo direttamente il consumo energetico. I sistemi BACS possono fornire anche gli strumenti di misurazione energetica indispensabili per effettuare una corretta gestione tecnica dell’edificio.

 

Nata Biografica

Luigi Martirano è ricercatore universitario presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica dell'Università Sapienza di Roma, è docente del corso di domotica ed uso razionale dell'energia elettrica, è membro dei comitati tecnici del CEI 205 Sistemi bus per gli edifici e 311b. G Parise, L Martirano: Impact of Building Automation, Controls and Building Management on Energy Performance of Lighting Systems, IEEE/I&CPS 2009, May 3-7, Calgary, Canada.Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell’edilizia. UNI EN 15232 ottobre 2007, UNI EN 15193-1, marzo 2008 


chiudi
Ing. Martina Demattio Leggi

Ing. Martina Demattio

Ingegnere Responsabile progetto ClimaHotel

ClimaHotel, per un turismo consapevole  

 

Abstract

ClimaHotel è il nuovo sigillo di qualità per un turismo consapevole che segnala e garantisce un'ospitalità attenta alle risorse ambientali e energetiche, alla valorizzazione di cultura e tradizioni locali, che mirano ad uno sviluppo economico solido e duraturo nel tempo. Il sigillo è uno strumento di garanzia per ospite e albergatore, si ottiene solo dopo una verifica completa e prolungata nel tempo dei criteri di valutazione, dalla fase di progettazione a quella di gestione. Il sigillo di qualità si fonda su un approccio a 360° e valuta obiettivi di sostenibilità che considerano aspetti ambientali, economici e socio-culturali.  

L’obiettivo dell'Agenzia CasaClima è coniugare risparmio, benessere abitativo e sostenibilità. CasaClima è ormai sinonimo di edilizia ad alto risparmio energetico e di un modo di abitare sano. Questo concetto non riguarda solo le nuove costruzioni, ma anche la ristrutturazione sostenibile di vecchi immobili, con l’obiettivo di garantire comfort abitativo e qualità della vita senza danneggiare l’ambiente e le risorse.


chiudi

Video interviste

Luigi Martirano
Paolo Rava
Andrea Rinaldi
Martina Demattio

Comunicato stampa Benvenuti nell'era dell'hotel a emissioni zero

L'efficienza energetica degli edifici è un tema sempre più importante per l'edilizia in generale e per le strutture ricettive in particolare: questione di immagine, per una clientela sempre più sensibile ed esigente, ma soprattutto una questione di sostanza, per spendere meno e meglio, rispettando l'ambiente. Appuntamento il 2 ottobre al Cersaie con l'incontro "Hotel ed efficienza energetica"

 

 

Nella Riviera romagnola li chiamano “alberghi ecologici”, hotel che soddisfano una serie di requisiti nella gestione dei rifiuti, consumo di acqua, alimenti proposti, addirittura inquinamento acustico. In realtà, quello che si sta muovendo all’interno delle principali catene alberghiere italiane è molto di più rispetto a un – pur prestigioso – marchio di qualità. Entriamo nel campo dell’efficienza energetica tout court, un concetto che sta ricevendo crescente attenzione da parte sia della legislazione – che in Emilia-Romagna per esempio impone il certificato energetico per ogni edificio oggetto di compravendita – sia da parte di un utente sempre più sensibile ai temi della sostenibilità ambientale.

 

Di questo e altro si parlerà in occasione dell’incontro “Hotel ed efficienza energetica”, in agenda al Cersaie il prossimo 2 ottobre (ore 9.30, Galleria dell’Architettura), nell’ambito del ciclo di appuntamenti “Costruire, abitare, pensare”. Inutile negare che gli alberghi sono strutture particolarmente “energivore” ed il tema dell’efficienza rappresenta non solo una questione di immagine, al limite una questione di legge – a breve il certificato energetico servirà anche per la stipula di un semplice contratto di locazione –, ma anche e soprattutto un elemento di competitività. Tra i relatori, l’architetto Andrea Rinaldi, responsabile del Centro Architettura ed Energia della facoltà di Architettura dell’Università di Ferrara e l’architetto Paolo Rava, rappresentante dell’Anab e assessore all’Urbanistica presso il comune di Forlì.

 

È nell’efficienza energetica, peraltro, che l’architettura si lega in modo virtuoso all’ingegneria: perizie, misure, calcoli, spessori; un lavoro complesso che impone all’architetto e all’ingegnere di lavorare fianco a fianco, con l’obiettivo dell’“impatto zero”, un traguardo che è già realtà in alcune strutture d’avanguardia, sia di edilizia pubblica che privata. Proprio a testimonianza di questo rapporto simbiotico tra l’architettura e l’ingegneria in tema di efficienza energetica degli edifici, all’incontro interverrà anche il professor Luigi Martirano, docente al dipartimento di Ingegneria elettrica dell’Università La Sapienza di Roma. Sullo sfondo, un nuovo modo di concepire il concetto stesso di edificio: la casa, come una persona, ha i suoi punti deboli, le sue particolari esigenze.

 

Anche l’edificio – si potrebbe affermare – ha un proprio “metabolismo”. Si chiama appunto efficienza energetica, e si traduce in un “indicatore di prestazione” (dalla classe A alla classe G) che riunisce tutta una serie di variabili, il più delle volte veri e propri “punti deboli” di un edificio. I vetri ma anche la coibentazione delle pareti, l’isolamento del tetto e del pavimento. Quindi vengono gli impianti – materia appunto per ingegneri – il tipo di caldaia, il sistema di riscaldamento a tubi o a pavimento, ecc. La stessa struttura dell’edificio – secondo alcuni studi addirittura la forma delle stanze – può incidere sul rendimento energetico.

 

La soluzione? Conservare l’energia, anzitutto, ma anche chiedersi come produrla spendendo e inquinando meno, alla luce del fatto che il 40% delle emissioni di anidride carbonica in Europa non dipende dalle automobili ma dagli edifici e dai loro sistemi di riscaldamento e di condizionamento. Dimostrare che l’edificio a emissioni zero non è fantascienza ma un obiettivo realizzabile – e in diversi casi già realizzato – è proprio l’ambizione dell’incontro “Hotel ed efficienza energetica”, che non a caso vedrà l’intervento di Martina Demattio, responsabile dell’Agenzia CasaClima di Bolzano, la provincia d’Italia dove gli edifici “ecologici” sono oramai una realtà diffusa, in un’area peraltro a elevatissima vocazione turistica, dunque ricca di alberghi e strutture ricettive.

 

Un’occasione per conoscere più da vicino qualche esempio eccellente e concreto di cosa si intende per efficienza energetica degli edifici, alberghi compresi.  

 

 

Ufficio Stampa Cersaie 5 agosto 2010 - pressoffice@cersaie.it

Condividi su