biglietto
omaggio

Visitatori – Tessere Espositore – Giornalisti

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password?
Clicca sulla tua area:
Visitatori - Giornalisti

Convegni e Seminari 2015
Ceramic Futures From Poetry to Science Fiction

Mercoledì 30 Settembre ore 10,00
Galleria dell'Architettura - Gall. 21/22

3rd Edition

Esposizione dei progetti elaborati nella terza edizione di Ceramic Futures, il primo progetto social dedicato interamente alla ceramica, in cui sono stati coinvolti gli studenti di 3 scuole di eccellenza (Politecnico di Milano, IED Torino, EnsAD Parigi), chiamati a ragionare in modalità progettuale sul futuro della ceramica, sfruttando le modalità di comunicazione tipiche dei social media.
www.ceramicfutures.com

Relatori

Stefano Mirti Leggi

Stefano Mirti

Progettista Id-Lab, docente di design all'Universita' Bocconi di Milano

Nota biografica
Stefano Mirti, progettista (Id-Lab), docente di design all'Universita' Bocconi di Milano, coordina i progetti dell’Id-lab (Interaction Design Lab) a Torino. Si laurea in architettura al Politecnico di Torino con successivo dottorato di ricerca presso lo stesso Politecnico.
Successivamente si trasferisce in Giappone per il post-dottorato (Tokyo University, Tadao Ando Lab) con successivo incarico di insegnamento presso la Tama Fine Art Academy (Tokyo). Dal 2006 è stato responsabile del programma di design della NABA e ha lavorato come consulente per Torino World Design Capital 2008. Dal 2001 al 2005 è stato Associate Professor all’Interaction Design Institute di Ivrea, una istituzione didattica e di ricerca a cui hanno dato vita Olivetti e Telecom Italia. Dal 2000 al 2001 ha insegnato alla Tama Art University (Tokyo) e realizzato diversi progetti di design, tra cui polycarbonate house e neon gardens. Ha anche impostato Now the Future - un atlante digitale che documenta iniziative ed eventi di design in tutto il mondo. Prima di andare in Giappone è stato tra i fondatori di Cliostraat - un gruppo di architetti, artisti e fotografi che progetta edifici, parchi, strutture pubbliche e padiglioni espositivi. Mirti ha ricevuto tre volte (nel 1995, 1997 e 2001) lo European Architectural Prize. Nel 2004, gli è stato conferito la Bronze Medal for Cultural Merits della Repubblica Italiana. I suoi lavori sono stati esposti al Victoria & Albert Museum di Londra, alla Triennale di Milano, alla Biennale di Venezia e alla Beijing First Biennale of Architecture.


chiudi
Marco Lampugnani Leggi

Marco Lampugnani

Progettista e partner di Snark Space Making
Nota biografica
1981. Ho seguito una formazione da architetto ma le persone oggi mi chiedono essenzialmente di essere aiutate nella gestione del loro ruolo nella sfera pubblica. Sono amministratori, aziende, ONG, privati. A volte l’architettura e i suoi ambiti possono offrire modalità di gestione. Sono cofondatore di Snark Space Making. Sostenendo che lo spazio pubblico è sempre più un prodotto della negoziazione continua tra soggetti, luoghi e autorità piuttosto che un’entità immobile, Snark si impegna ad analizzare e stimolare questa produzione in vari modi. Snark è una rete interdisciplinare aperta che coinvolge architetti, urban planner, geografi, semiologi, economisti e giornalisti ed è attiva nel settore privato e pubblico, su piccola e larga scala.I miei interessi di ricerca riguardano il ruolo delle pratiche di collaborazione nei processi d’innovazione del design. Ho fatto ricerca anche nell’ambito del patrimonio storico-bellico, delle strategie per la bonifica di edifici abbandonati e del cambiamento nel ruolo delle pratiche di progettazione nella contemporaneità.
Ciò che più mi piace è collaborare.

chiudi

Video del Convegno

Video interviste

Anna Bernagozzi
Clara Kernereuter
Yulya Besplemennova
Marco Lampugnani
Stefano Mirti
Condividi su