Giornalisti - Espositori - Visitatori

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password? Clicca sulla tua area:
Espositori - Giornalisti - Visitatori

L'Immagine

Immagine Cersaie 2018
Enrica Caiello, Maria Cristina Ziviani, Naima Annoni, Riccardo Piovesan

White stuff: Enrica Caiello, Maria Cristina Ziviani, Naima Annoni, Riccardo Piovesan - Cersaie 2018

Scacco bagno. Il lavoro per la realizzazione di questo manifesto è una ricerca di una soluzione non scontata e, allo stesso tempo, dell’uso di uno spirito sottilmente ironico. Scacco bagno è la rappresentazione di come quindi si può giocare con l’ambiente dei servizi: il manifesto diventa una composizione strampalata dei classici elementi usati nell’arredo bagno (sanitari e piastrelle) combinati in modo da colpire subito l’occhio ad un primo sguardo. I sanitari diventando quindi le pedine di una partita nelle mani di chi sapientemente arreda l’ambiente bagno facendo le sue mosse.

Enrica Caiello nasce a Orvieto (TR) il 18 novembre 1992.
Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica con il metodo sperimentale Brocca presso il liceo F.A. Gualterio di Orvieto, si trasferisce a Milano dove si laurea in Progettazione Artistica per l’Impresa presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Attualmente sta studiando per concludere il suo percorso nel biennio specialistico di Product Design nella stessa università.
Durante la carriera accademica ottiene l’impiego di mediatore culturale presso la Triennale di Milano che la porta ad avere un’esperienza diretta con una porzione di vita museale che difficilmente viene ottenuta con la formazione teorica.
Nel 2016 partecipa al workshop “UI/UX design: when UI is consistent with the principles of UX” con Italo Sannino in collaborazione con Adobe e Wacom presso la TIM #Wcap Accelerator di Catania ampliando le sue conoscenze nel mondo della comunicazione.
In questo momento lavora come grafico collaborando con diverse aziende, predilige la semplicità e punta sull’efficacia e l’impatto dei suo progetti.

Maria-Cristina Ziviani nasce a Verona (VR) il 16 marzo 1993.
Nel 2012 consegue il diploma di maturità linguistica presso l’Istituto Europeo “Lavinia Mondin”.
Nel 2015 partecipa al workshop “Guarda cosa mangi!”, promosso dalla Camera di Commercio di Perugia e dall’Università dei Sapori, per lo “Spazio Umbria” a “Expo Milano 2015”. Nello stesso anno si laurea in Progettazione Artistica per l’Impresa presso l’Accademia di Belle Arti “G.B. Cignaroli” di Verona e decide di intraprendere gli studi all’Accademia di Belle Arti di Brera, dove ora è laureanda in Product Design.
Attualmente lavora come grafico freelance, collaborando a diversi progetti.

Naima Annoni è nata a Roma nel 1992, ma da sempre vive a Corsico (MI).
Dopo il diploma conseguito nel 2011 al Liceo Artistico Statale di Brera a Milano, prende una breve pausa dall'arte per provare a studiare Scienze Geologiche ma, la passione per l'arte è così forte che la spinge a iscriversi al corso di laurea in Scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera dove nel 2016 si è laureata con il massimo dei voti. Attualmente è laureanda in Product Design.
I suoi diversi percorsi di studio confluiscono nella creazione di originali gioielli fatti a mano.
Oltre alla passione per l'arte e la progettazione, è arbitro per la Federazione Italiana Rugby.

Riccardo Piovesan nasce a Carate Brianza (MB) il 22 agosto 1992.
Dopo aver conseguito il diploma di geometra, nel 2012 si iscrive presso la facoltà del design del Politecnico di Milano dove si laurea in Design degli Interni. Attualmente sta conseguendo la laurea magistrale in Product Design presso l’Accademia di Belle Arti di Brera.
Nel 2015, in occasione della Milano Design Week, progetta un totem informativo per la Start up “Myhoming”, in collaborazione con il Politecnico di Milano.
Nel 2016 collabora al progetto grafico del volume “Brera Ecosostenibile” edito da “Brera Academy Press”.

Le loro diverse inclinazioni si incontrano ad aprile 2017, durante il Fuorisalone, quando collaborano al progetto “White Beyond Blank” con l’azienda Oikos. Dall’unione di questi ragazzi prende vita “White Stuff”, un gruppo di lavoro affiatato in cui le diverse competenze, passioni e predisposizioni convergono in estro ed inventiva.

Condividi su