Giornalisti - Espositori - Visitatori

Accesso diretto all'area di tua pertinenza

Hai dimenticato username o password? Clicca sulla tua area:
Espositori - Giornalisti - Visitatori

Convegni e Seminari 2013
Lectio Magistralis di Rafael Moneo - Gli edifici non sono solo oggetti

Europauditorium - Palazzo dei Congressi
Mercoledì 25 Settembre ore 11,00
Introduzione di Francesco Dal Co

Il concetto che paragona gli edifici ad oggetti pronti ad essere integrati in qualsiasi contesto sembra essere un approccio generalizzato per coloro che non vogliono riconoscere i vincoli imposti dalle circostanze. Quello che sostengo e che vorrei comunicare oggi è che gli edifici non sono solo oggetti e che l’analogia tra questi due elementi non tiene conto della natura degli edifici che cercano di essere integrati, per acquistare pieno significato solo quando, finalmente, inseriti nella città. Questo implica che l’impegno nella progettazione urbana e nella realizzazione degli edifici allo stesso tempo smascheri l’immaginazione della totale preferenza e della prevalenza di architetti che progettano edifici singoli e autonomi, andando ad ampliare così il ruolo dell’architetto che risponde ad una città allargata.
Saranno presnetati 4 progetti che mettono in evidenza quanto appena detto:
L’ingresso al Miradero-Safont e il Centro Congressi a Toledo (Spagna)
Il Museo del Teatro Romano a Cartagena (Spagna)
IL Northwest Science Building presso la Columbia University a New York (USA)
La nuova chiesa a Ribera de Loiola, San Sebastián (Spagna).

Relatori

José Rafael Moneo Vallés Leggi

José Rafael Moneo Vallés

Architetto

José Rafael Moneo Vallés nasce a Tudela (Navarra) nel 1937. Studia presso la Scuola di Architettura di Madrid, dove si laurea nel 1961. Nel 1970 ottiene la cattedra di Elementi di Composizione della Scuola di Architettura di Barcellona e nel 1980 la stessa cattedra a Madrid fino al 1985, anno in cui è nominato Presidente della Harvard Graduate School of Design, incarico che ricopre fino al 1990. Attualmente Rafael Moneo è Josep Lluis Sert Professor of Architecture presso la Graduate School of Design di Harvard.

Tra i suoi ultimi progetti spiccano: l’Auditorio e Centro Congressi Kursaal di San Sebastián (1999), il Museo di Belle Arti a Houston, Texas (2000), la Cattedrale di Los Angeles (2002), l’Archivio di Navarra a Pamplona (2003), l’Ospedale Pediatrico Gregorio Marañón di Madrid (2003), l’ampliamento del Banco de España a Madrid (2006), l’ampliamento del Museo del Prado a Madrid (2007), l’edificio LISE –Laboratorio per le scienze e l’ingegneria – presso l’Università di Harvard, Cambridge (2007), il Museo del Teatro Romano a Cartagena (2008), la Biblioteca dell’Università di Deusto (2009), i Laboratori della Novartis a Basilea, Svizzera (2009), il Centro Civico “La Romareda” a Saragozza (2010), il Laboratorio delle Scienze presso la Columbia University, New York (2010), la Parrocchia Riberas de Loiola a San Sebastián (2011) e il Centro Congressi di Toledo (2012).

Attualmente Rafael Moneo lavora al Centro di Neurologia e Psicologia dell’Università di Princeton, New Jersey (2006), all’ampliamento della Stazione Atocha di Madrid (2008) e al Centro d’Arte Contemporanea dell’Università di Navarra (2008).

L’attività di architetto di Rafael Moneo si accompagna a quella di relatore di conferenze e critico. Cofondatore della rivista Arquitecturas Bis, gli scritti di Rafael Moneo sono stati pubblicati in varie riviste del settore e la presentazione dei suoi lavori a conferenze e incontri lo hanno portato a presenziare in più istituzioni anche oltreoceano. Nel 2005 ha pubblicato il libro “INQUIETUDINE TEORICA E STRATEGIA PROGETTUALE nell’opera di otto architetti contemporanei” che è stato tradotto in 7 lingue. Nel settembre 2010 sono stati presentati contemporaneamente due suoi libri: “APPUNTI SU 21 OPERE” (Gili) e “REMARKS ON 21 WORKS” (Monacelli).

Rafael Moneo è stato insignito di vari riconoscimenti, tra i quali il Premio Pritzker di Architettura nel 1996 e la Medaglia d’Oro del Royal Institute of British Architects nel 2003. Eletto Professore di Belle Arti nel 1997, ha assunto l’incarico all’inizio del 2005. Nel 2006 il Consiglio Superiore del Collegio degli Architetti di Spagna gli ha conferito la Medaglia d’Oro dell’Architettura Spagnola e nel 2012 ha ottenuto il Premio Principe delle Asturie per le Arti.


chiudi
Francesco Dal Co Leggi

Francesco Dal Co

Architetto e Professore di storia dell'architettura, IUAV Venezia

Nota biografica

Laurea in architettura, Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV), 1970

Borsa di studio, Ministère de la Culture (Fondation Le Corbusier, Paris), 1970

Fulbright Scholarship (Cornell University, Ithaca NY; Lewis Mumford Archive, Amenia, NY), 1971

Assistente di ruolo, Storia dell’Architettura, IUAV 1974

Cattedra di Storia dell’Architettura, IUAV, 1980

Alisa Mellon Visiting Senior Fellow, Center for Advanced Studies, National Gallery of Art, Washington DC, 1981-82

Professor, History of Architecture, School of Architecture, Yale University (1982-1991)

Professore, Storia dell’Architettura, Accademia di Architettura, Università della Svizzera Italiana (1996-2006)

Direttore, Dipartimento di Storia dell’Architettura, IUAV, (1995-2003)

Direttore, Sezione Architettura, La Biennale di Venezia (1988-1991)

Scholar, Center for Advanced Study, Getty Center, Los Angeles, 1995-96

Direttore della rivista “Casabella” (1996-)

Membro, Board of Directors, Society of Architectural Historians, USA, 1999-2001

Honorary Fellow Royal Institute of British Architects

Laurea Honoris Causa in Ingegnera, Politecnico di Gand

Accademico di San Luca

Selezione delle pubblicazioni

  • Hannes Meyer. Scritti, 1921-1942, Marsilio, Venezia 1969 (ed. spagnola)
  • De la vanguardia a la metropoli (con M. Cacciari e M. Tafuri), Gili, Barcelona 1972
  • La città americana (con G. Ciucci, M. Manieri Elia, M. Tafuri), Laterza, Roma-Bari 1973 (ed. inglese, americana, spagnola)
  • Cinema, città avanguardia, 1919-1939 (editor), La Biennale di Venezia, Venezia 1974
  • Architettura contemporanea (con M. Tafuri), Electa, Milano 1976 (ed. inglese, francese, spagnola, tedesca, americana, giapponese, cinese)
  • Abitare nel moderno, Laterza, Roma-Bari 1982 (ed. spagnola)
  • Teorie del moderno, Laterza, Roma-Bari 1982 (ed. spagnola)
  • Carlo Scarpa. Opera completa (con G. Mazzariol), Electa, Milano 1984 (ed. spagnola, francese, inglese, americana)
  • Carlo Scarpa: il mestiere dell’architetto in D. Rosand (editor), Interpretazioni veneziane, Arsenale, Venezia 1984; (ed. spagnola)
  • 1945-1985. l’architettura italiana tra innovazione e tradizione, in O. Calabrese (a cura di), L’Italie aujourd’hui/Italia oggi, La Casa Usher, Firenze 1985;
  • 1945-1985: Italian Architecture between Innovation and Tradition, in G. Celant (a cura di), The European Iceberg, Mazzotta, Milano 1985; L’architettura italiana tra innovazione e tradizione, in Sessant’anni di vita culturale in Italia, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 1986 (ed. giapponese)
  • Areté. Dalle note e dai libri di Mies, «Casabella», n.526, 1986 (ed. inglese, tedesca, spagnola, francese, olandese)
  • Città e metropoli, in N. Tranfaglia, M. Firpo (a cura di), La storia, vol. VIII, UTET, Torino 1986
  • Architettura del consenso, in N. Tranfaglia, M. Firpo (a cura di), La storia, vol. IX, UTET, Torino 1986
  • Architettura e città in Italia nella prima metà del ‘900, in P. Hulten, G. Celant (a cura di), Arte Italiana. Presenze 1900-1945, Bompiani, Milano 1989
  • I musei di James Stirling (con T. Muirhead), Electa, Milano 1991 (ed. spagnola)
  • Architettura italiana del Novecento (con G. Ciucci), Electa, Milano 1992
  • Pevsner e lo stile delle cose, in F. Irace (a cura di), Nikolaus Pevsner. La trame della storia, Guerini, Milano 1992
  • The House of Dreams and Memories: Philip Johnson at New Canaan, in  D. Whitney, J. Kipnis (editors.), Philip Johnson, the Glass House, Pantheon Books, New York 1993 (ed. italiana, francese)
  • Otto Wagner, 1841-1918, in L. Bolelli, C. Mazzeri (a cura di), Percorsi di storia dell’architettura, Biblioteca Poletti, Modena 1993 (ed. giapponese)
  • Avanguardia, Dada, Weimar (con G.Buonfino, M. Cacciari), Arsenale, Venezia 1978 (ed. spagnola)
  • Tadao Ando. Le opere, gli scritti, la critica, Electa, Milano 1994 (ed. inglese, portoghese)
  • Il baleno della bellezza. Introduzione a Barragàn, in A. Riggen Martinez, Louis Barragàn. Opera completa, Electa, Milano 1996 (ed. inglese)
  • Tra terra e mare. L’architettura di Sverre Fehn, in C. Norberg-Schulz, G. Postiglione, Sverre Fehn. Opera completa, Electa, Milano 1997 (ed. norvegese, inglese)
  • Winners and Losers. Interpreting the Mumford of ‘The Browm Decades’, in R.E. Somol (editor), Autonomy and Ideology. Positioning an Avant-Garde in America, The Monacelli Press, New York 1997
  • Storia dell’architettura italiana. Il secondo Novecento (a cura di), Electa, Milano 1997
  • Carlo Scarpa. Villa Ottolenghi, Monacelli Press, New York 1998
  • Frank. O. Gehry. Tutte le opere (con K.W. Forster e A. Soutter Arnold), Electa 1998 (ed. inglese, tedesca)
  • Aaltiana, efc, Trieste 2007
  • Aldo Rossi. I quaderni azzurri, (a cura di), Electa-The Getty Research Institute, Milano-Los Angeles 1999
  • Álvaro Siza e l’arte della mescolanza, in K. Frampton, Álvaro Siza. Tutte le opere, Electa, Milano 1999 (ed. inglese, tedesca, spagnola)
  • Giovan Battista Piranesi. La malinconia del libertino, in G.Curcio e E. Kieven (a cura di), Storia dell’architettura italiana. Il Settecento, Electa, Milano 2000
  • Il tempo e l'architetto. Frank Lloyd Wright e il Guggenheim Museum, Electa, Milano 2004 (ed. spagnola)
  • “La princesse est modeste”, in F. Dal Co, W. Gropius, A. Isozaki, Y. Matsumura, M. Speidl, K. Tange, Katsura. La villa imperiale (a cura di V. Ponciroli), Electa, Milano 2004 (ed. inglese)
  • Carlo Scarpa. La Fondazione Querini Stampalia a Venezia, (con S. Polano), Electa, Milano 2006
  • Piranesi, Mudito & Co., Barcelona 2006
  • Peter Eisenman. Memoriale per gli Ebrei assassinati d’Europa a Berlino, in Aa.Vv., Estudios de Historia del Arte, Machado Libros, Madrid 2007
  • Frank Lloyd Wright. Le stampe giapponesi. Una interpretazione (con M. Stipe), Electa, Milano 2008
  • Zona cero, Mudito & Co., Barcelona 2008
  • Tadao Ando, 1995-2010, Electa Milano 2010 (ed. inglese) 
  • Paulo Mendes da Rocha e la contemporaneità dell’inattuale, in D. Pisani, Paulo Mendes da Rocha. Tutte le opere, Electa, Milano 2013 (ed. inglese) 
  • Renzo Piano, Electa, Milano 2014

chiudi

Video del Convegno

Video interviste

Rafael Moneo
Condividi su